scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/02/2021

VENEZIALa vicenda dei bilanci in attivo della Fond…

La Nuova Venezia - E.T.

VENEZIALa vicenda dei bilanci in attivo della Fondazione Musei Civici a musei chiusi e in particolare del prestito bancario da 4 milioni di euro attivato ma probabilmente non necessario, finirà alla Corte dei Conti. A portare la questione all'attenzione della magistratura contabile sarà infatti un esposto presentato da Cgil, Cisl e Uil, facendo anche riferimento all'interrogazione della consigliera comunale del Pd Monica Sambo. «I contenuti dell'interrogazione fotografano in modo del tutto chiaro la ragione per cui i Musei Civici di Venezia sono stati chiusi: fare cassa sulle spalle dei lavoratori e delle loro famiglie». - dichiarano in una nota Daniele Giordano (Fp Cgil) Monica Zambon ed Andrea Porpiglia (Filcams Cgil) Silvia Salvati (Fisascat Cisl) Mario Ragno (Uil Fpl) Andrea Zaniol (Uil Trasporti) «È ormai evidente che la chiusura dei Musei - proseguono - è servita a scaricare sulla collettività e sulle casse pubbliche il costo del lavoro della Fondazione e del sistema degli appalti. Lavoratrici e lavoratori degli appalti che faticano ad arrivare alla fine del mese, con una cassa integrazione di poche centinaia di euro e che devono apprendere dai giornali che il loro salario serve a far fare utile alla fondazione e ad incrementare il patrimonio. In barba alle previsioni di utile di bilancio si è scelto di tagliare il salario ai lavoratori che già nel 2020 avevano dato fino a 10 mesi di cassa integrazione». La nota prosegue: «Ad aggravare ulteriormente la situazione è che il Cda della Fondazione ha deliberato un prestito che da quanto si apprende ha oneri all'incirca per 250 mila euro a carico delle casse della Fondazione, che è bene ricordare è un soggetto di proprietà pubblica, considerato inutile dallo stesso Cda. Per questa ragione presenteremo un esposto alla Corte dei Conti affinché si verifichi l'effettiva necessità di questa scelta, che pesa sulle casse della fondazione in modo da accertare eventuali responsabilità erariali in capo a chi l'ha decisa. Brugnaro si vanta tanto di essere un brillante imprenditore per cui o è stato "raggirato" nel deliberare un prestito di cui pare non ci fosse bisogno, oppure sorgono dei seri dubbi sulle capacità manageriali». --E.T.