MENU
Chiudi
14/09/2018

Variante, ok al progetto 12 anni dopo il primo

Corriere della Sera - Maddalena Berbenni

pronto l'esecutivo, poi l'appalto
Quattro chilometri e due gallerie per snellire il traffico in Val Brembana. L'ok al progetto esecutivo della variante di Zogno dovrebbe arrivare per metà ottobre. Poi subito l'appalto. Sembra un traguardo, ma colpisce parlare di bando per l'assegnazione di lavori dopo 12 anni dal primo progetto. a pagina 3

Fa specie parlare di bando per l'assegnazione dei lavori dodici anni dopo il primo progetto. Nel caso della variante di Zogno, sembra quasi un successo. La tangenziale da 4 chilometri, due gallerie e il sospirato obiettivo di snellire il traffico in Val Brembana è all'ultimo step prima dell'appalto.


Il progetto esecutivo, consegnato all'inizio di agosto dal raggruppamento temporaneo di imprese costituito dalla Technital di Verona, dalla Ets di Villa d'Almè e dalla Politecnica di Modena, è al vaglio della Rina Check, la società di validazione di Genova cui spetta il timbro finale. «Contiamo di ottenerlo entro metà ottobre, poi passeremo rapidamente alla gara d'appalto», spiega l'ingegnere Alessandro Caloisi, responsabile unico del procedimento per Infrastrutture Lombarde. Dagli uffici della Rina Check l'ingegnere Giovanni Dondero conferma: «Il prossimo confronto con Infrastrutture Lombarde sarà a fine settembre e a ottobre concludiamo».


Sul piatto sono pronti i 33 milioni di euro recuperati dalla Regione Lombardia dopo lo stop del cantiere di quattro anni fa. Da allora non si è mossa una foglia. Le tabelle dei costi indicano le spese accessorie e quelle, 24 milioni di euro, di lavori veri e propri per le opere mancanti, necessarie a rendere percorribile il tracciato: le piazzole lungo le gallerie, i muri di sostegno e controripa e la copertura prevista sul canale dell'Enel, all'imbocco della prima galleria risalendo la valle. Serve per allargare la carreggiata e realizzare la rotonda che permetterà agli automobilisti di imboccare la variante oppure di proseguire con il vecchio tracciato della statale, passando per il centro del paese.


«La variante di Zogno - riprende Caloisi - è tra le nostre priorità. La Rina Check ha 90 giorni di tempo per consegnarci il progetto esecutivo. Se lo farà entro metà ottobre, staremo comodamente nei tempi. Procederemo subito, entro l'anno, con la gara d'appalto, che sarà una gara aperta, dunque migliorativa. Richiederà tra i sei e gli otto mesi». Dopo di che, c'è da incrociare le dita. Senza intoppi, che possono arrivare da ricorsi delle possibili ditte escluse, si può «ragionevolmente» fissare la ripartenza del cantiere tra l'inizio e la fine dell'estate del 2019. Seguirà circa un anno e mezzo di lavori, che significa arrivare al taglio del nastro nel 2021. A dieci anni dalla consegna dei lavori all'Itinera, l'impresa che li ha poi lasciati incompiuti. Allora, era stata calcolata una spesa complessiva di 43 milioni e 600 mila euro, 28 milioni e 700 mila euro per i lavori e 14 milioni e 800 mila euro per indennità espropri, adeguamento impianti tecnologici, spese tecniche e imprevisti.


Il calendario di quella prima fase del cantiere, tra agosto 2012 e settembre 2014, è riportato sul sito della Provincia, che ha seguito il grosso della progettazione e si è anche occupata del progetto definitivo per gli ultimi interventi. Un passaggio rallentato, l'anno scorso, dalle disposizioni introdotte dalla nuova legge sugli appalti. Agli uffici tecnici di via Sora era stato chiesto di consegnare gli elaborati con un modello di calcolo che analizzasse in maniera certa le componenti strutturali. Cosa che in passato veniva richiesta nella fase esecutiva. La validazione era stata affidata sempre alla Rina Check. Dopo un paio di bocciature, ha firmato il via libera il febbraio scorso. Adesso la prova finale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il punto

Il primo progetto
della variante
di Zogno
è del 2006,
i lavori
erano stati
poi consegnati
nel 2011 Senza
altri intoppi,
il cantiere dovrebbe ripartire nel 2019 e finire entro il 2021

4 anni dallo stop
del cantiere,
a settembre 2014

2 gallerie lungo i quattro chilometri
che aggirano
il paese

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore