scarica l'app
MENU
Chiudi
16/06/2019

Valvestino e Gargnano, tutti in galleria

Brescia Oggi

ALTO GARDA. Quasi tutto pronto per gli scavi delle due ambiziose infrastrutture viabilistiche nell'area nord del lago
Il sindaco Davide Pace: «Gli appalti entro l'anno» Sulla 45Bis verso Tignale sono partiti i carotaggi
Si parla di tunnel sul Garda, ma è a Gargnano e Valvestino che progetti e finanziamenti e attività preparatorie ai lavori sono molto, ma molto più avanti rispetto a Desenzano, ai blocchi di partenza con lo studio di fattibilità.Sabato scorso a Valvestino, con l'insediamento al suo terzo mandato del sindaco Davide Pace, che è anche presidente della Comunità montana alto Garda, si è inaugurato (forse) il quinquennio giusto per la galleria da 32,4 milioni di euro che collegherà l'estremità nord del Parco con il Trentino.«ENTRO FINE MESE - comunica il sindaco Davide Pace - terminano i carotaggi alla frazione di Persone. Poi entro dicembre è in scaletta la gara d'appalto e se non sopraggiungono intoppi, nella primavera del prossimo anno dovrebbero iniziare i lavori». Al termine questo traforo sarà a tutti gli effetti «la via di fuga» con il Trentino, scorciatoia sotto la montagna a beneficio dei comuni di Valvestino e Magasa. Meno di 400 abitanti, in tutto ma proprio per questo destinata nelle intenzioni a favorire dopo decenni di isolamento la ripresa economica, contrastando lo spopolamento.Oltre 32 sono i milioni di euro necessari per realizzare la galleria di 4.967 metri, di cui 2.850 nel Bresciano e 2.117 nel Trentino, spesa sostenuta per 18 milioni e 792 mila euro da fondi Odi, dalla Provincia di Trento per 6 milioni, dalla Regione Lombardia per 4 milioni, dai due Comuni per un milione e mezzo tramite il Fondo di coesione. L'imbocco sul lato bresciano è previsto dalla Provinciale di Valvestino al bivio per la frazione di Armo, mentre quello trentino a Bondone, in località Baitoni. Di 24 mesi il tempo stimato di realizzazione della galleria.TEMPI probabilmente più lunghi invece per la galleria a nord dell'abitato di Gargnano che sarà realizzata a monte delle prime tre anguste gallerie e sbucare al bivio con la provinciale per Tignale. Il tunnel nasce proprio per aumentare il grado di sicurezza e di percorribilità di quel tratto di strada e necessita di un investimento complessivo di oltre 89 milioni di euro.Lo scorso mese di maggio come si ricorderà sono stati eseguiti i carotaggi, funzionali alla progettazione della nuova galleria che dovrà soppiantare e mandare in pensione dopo quasi novant'anni di onorato servizio, i tunnel D'Acli, Eutemia e Ciclopi. Entro il 2019 il progetto definitivo. Nel 2020 è prevista la gara d'appalto e nel 2021 la cantierabilità. Così almeno si spera in alto Garda.