scarica l'app
MENU
Chiudi
11/06/2019

«Vaia», scattano i bandi per i danni di imprese e privati In arrivo 25 milioni

Corriere del Veneto

Domande entro il 10 luglio
Sono ormai passati oltre sei mesi dai giorni devastanti della tempesta «Vaia» che ha messo in ginocchio gran parte del territorio bellunese. Dopo i soldi per gli interventi più urgenti e per le opere di bonifica e ripristino dei danni al patrimonio pubblico, arrivano ora anche i primi soldi per le imprese e i privati. Il governatore del Veneto Luca Zaia, nella veste di commissario delegato per i primi interventi urgenti di Protezione Civile ha firmato ieri l'ordinanza che approva i bandi per chi ha subito danni nell'ondata di maltempo di fine ottobre. I bandi attivati sono cinque, suddivisi per settore: agricolo e forestale; agricoltura e pesca; imprese del settore foreste; imprese di settori diversi; privati. I bandi attingono ai fiBELLUNO nanziamenti previsti dal Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dello scorso 27 febbraio, che mette a disposizione quasi 756 milioni in tre anni (oltre 232 milioni per l'anno in corso) per far fronte ai danni provocati da Vaia. La quota riservata ai privati e alle imprese, per il 2019, ammonta a 25 milioni di euro, che potrà essere incrementata nel prossimo biennio. La raccolta delle domande e le relative istruttorie saranno divise tra i diversi soggetti attuatori. Le domande relative ai bandi per il settore agricolo, forestale, acquacoltura e pesca andranno presentate a Fabrizio Stella, direttore di Avepa. Per le imprese di settori diversi al direttore della Direzione industria, artigianato, commercio e servizi della Regione, Giorgia Vidotti, mentre le domande per il settore privato a Gianluca Fregolent, direttore della Direzione agro-ambiente, caccia e pesca. Termine per la presentazione delle domande (solo online) il 10 luglio. Intanto Confagricoltura Belluno ha donato ai volontari che hanno operato nella tempesta diecimila euro frutto di una raccolta di fondi avviata all'indomani del disastro, con i quali è stato acquistato materiale consegnato nei giorni scorsi. E altri 2.250 sono stati consegnati al Comune di Belluno da Atelier Teatro danza, frutto dello spettacolo andato in scena il 5 maggio. M. G. © RIPRODUZIONE RISERVATA