scarica l'app
MENU
Chiudi
04/03/2020

Va deserto il bando per gestire La Pista da aprile a settembre

Il Tirreno

Il Comune proseguirà per chiamata diretta delle associazioni Il sindaco: servono risorse per un progetto di almeno 5 anni il destino del parco pubblico
VOLTERRA. Il bando per la gestione da aprile a fine settembre della Pista va deserto e l'amministrazione comunale lavora per proporre una chiamata diretta alle associazioni della città. Ma il sindaco Giacomo Santi punta a un progetto di riqualificazione complessivo per un affidamento di cinque o dieci anni. «Non riusciremo certo a farlo quest'anno - sottolinea il sindaco di Volterra - perché serve un piano di ampio respiro, ma soprattutto con risorse ingenti da investire per una valorizzazione dell'area che rappresenta molto per i nostri cittadini, sia in termini affettivi che di utilizzo giornaliero».La Pista, chiamato anche Il Bastione, è infatti un parco pubblico dove sono cresciute intere generazioni di volterrani. È uno spazio verde per grandi e bambini, mentre la sera dopo cena, in special modo d'estate, diventa un posto per giovani con musica e divertimento.Serve però un'associazione che gestisca la struttura garantendo l'apertura sia di giorno che la sera, offrendo sorveglianza, ma anche la gestione del bar che si trova all'interno dell'area. Per questo ogni anno viene pubblicato un bando per dare in affidamento La Pista per alcuni mesi all'anno, quelli che comprendono la primavera e l'estate. La base di gara da aprile a fine settembre era di 250 euro. «Una cifra già bassa che potremmo anche rivedere al ribasso - aggiunge Santi -. Ma quello che ci interessa è avere un buon progetto di gestione». L'anno scorso l'affidamento se l'è aggiudicato l'associazione Toscana Media che ha iniziato a lavorare nel parco pubblico a metà giugno, dopo una situazione simile a quella che si è verificata in questi giorni, con il bando andato deserto e la chiamata diretta di alcune associazioni della città per presentare un progetto di gestione fino al termine dell'estate. Ma, secondo quanto spiegato dal sindaco, quello di quest'anno dovrebbe essere l'ultimo bando per un periodo così limitato. Santi parla di cinque o dieci anni di gestione per una continuità lavorativa che sappia cogliere i bisogni di tutte le fasce di età e che diventi un punto di riferimento per l'organizzazione di eventi. Soprattutto, però, servirà un piano a lungo respiro per quanto riguarda gli investimenti che, al momento, l'amministrazione comunale di Volterra non è in grado di garantire per riqualificare completamente l'area. Santi dice che «l'obiettivo è rendere appetibile il parco pubblico e creare i presupposti per una valorizzazione in grado di renderlo un valore aggiunto per l'offerta turistica della città, con un occhio particolare ai bisogni dei volterrani».Un progetto ambizioso che, fatalmente, ha bisogno di risorse economiche per essere messo in pratica. E proprio quella della ricerca da investire in questa operazione è la vera e propria sfida per La Pista. --