scarica l'app
MENU
Chiudi
03/12/2019

Usura, in arrivo un bando da 500 mila euro per le vittime

Corriere dell'Umbria

Chi denuncia non è solo
di Alessandra Lemme ROMA • Un bando di 500 mila euro per indennizzi a fondo perduto per le vittime di usura. La giunta della Regione Lazio ha approvato una delibera e la pubblicazione nei prossimi giorni di un bando che nasce con l'obiettivo di non lasciar solo chi decide di denunciare i propri aguzzini. "'Fuori il racket e l'usura dal Lazio' è il titolo della nostra campagna che include provvedimenti concreti contro questa tragedia" spiega il presidente Nicola Zingaretti, che aggiunge: "Sarà un fondo 'permanente', che rifinanzieremo in modo che h24, dodici mesi l'anno, chi è vittima dell'usura e ne vuole uscire sappia che ha queste risorse a disposizione". Possono beneficiare di un indennizzo, fino a 20 mila euro, le persone che abbiano provveduto a denunciare all'autorità giudiziaria episodi di usura e abbiano subito l'interruzione o la compromissione della propria attività lavorativa. Per accedere all'indennizzo la vittima deve rivolgersi alle associazioni e fondazioni antiusura, iscritte nell'elenco regionale e al Mef. "L'obiettivo è quello di rispondere tempestivamente alla richiesta delle vittime per poter essere accompagnate fuori dal circuito dell'usura nel momento in cui prendono il coraggio di denunciare" sottolinea il presidente dell'Osservatorio regionale sicurezza e legalità, Gianpiero Cioffredi. La novità di questo bando è quella di separare l'indennizzo alle vittime dagli altri interventi previsti dalla legge (lr 14/2015) prevedendo che il bando non abbia una scadenza. La Regione ha finanziato nel 2019 per tutte le azioni previste dalla legge regionale sul sovraindebitamento e l'usura con 2 milioni e 800mila euro.