scarica l'app
MENU
Chiudi
07/07/2020

Universiadi, De Luca rilancia «Fondi per lo sport giovanile»

Il Mattino

L'ANNIVERSARIO
Gianluca Agata
Le Universiadi napoletane non mollano, rilanciano. Sotto forma di investimenti per le generazioni future e di finanziamenti che arriveranno dalla Regione Campania per promuovere il grande piano dello sport giovanile, la fase 2 dei Giochi della Campania, quelli che hanno fatto gonfiare il petto al governatore De Luca quando dice, in occasione della cerimonia di celebrazione a un anno dai Giochi: «Abbiamo realizzato il tutto con una efficienza che avrei detto tedesca, ma oggi dico campana. C'erano tante incognite e non c'è stata una sbavatura».
FONDI
Non solo 270 milioni per 70 impianti. De Luca di fronte al consesso dei presidenti regionali e dei dirigenti dell'Agenzia regionale che ha organizzato i Giochi riuniti alla stazione marittima rilancia. «Dalle Universiadi ci sono avanzati 25 milioni di euro e abbiamo deciso di reinvestirli negli impianti sportivi della Campania, completando lo stanziamento regionale di 270 milioni. Partiamo in questi giorni con un bando per 50-60mila euro a 74 Comuni della regione per piccoli interventi agli impianti sportivi. Poi ci sono altri 15 milioni per impianti medi o medio grandi. Completiamo quindi alcuni finanziamenti per lo stadio Collana con 8 milioni, poi 1,2 milioni di euro per la copertura dello stadio San Paolo, ad Afragola 1,3 milioni per lo stadio Moccia, a Mondragone, cari amici della civilissima città di Mondragone con buona pace di chi sapete voi, diamo per lo stadio Conte un milione. Sono fatti concreti, non pellegrinaggi». E ancora «fondi a Caserta per lo stadio Pinto, a Napoli per lo stadio Albricci, al Palazzetto dello Sport di Salerno e al Campo Sportivo di Mercogliano. Le Universiadi sono state un grande atto coraggioso, un atto di lucida follia che ha portato a una prova straordinaria, ora ne approfittiamo per migliorare lo sport in tutta Regione. Qui tutti evocano il modello Genova. Io, invece, ne evoco un altro che è quello delle Universiadi». Il codice degli appalti - ha aggiunto - va modificato in tantissime cose ma evitiamo di cadere nell'eccesso opposto che facciamo solo trattative private perché questo significa solo mettere l'economia nelle mani della camorra. Serve un punto di equilibrio e il modello Universiadi è un modello assolutamente virtuoso.
GESTIONE
De Luca rilancia anche il nodo della gestione. «Sarebbe un delitto, un peccato mortale vedere questi impianti abbandonati prima e diventati gioielli poi, tornare nello stato di degrado a causa di comuni inefficienti, che non hanno né soldi, né personale per potersene prendere cura». Ed allora l'idea. Tenere in piedi l'Agenzia Regionale delle Universiadi, attualmente affidata al commissario Flavio de Martino, ma con compiti di liquidazione, con lo scopo di entrare direttamente nella gestione degli impianti.
CELEBRAZIONI
Ma è stata soprattutto una giornata di celebrazioni a un anno dai Giochi con il governatore De Luca che ha ricordato la gioia della cerimonia d'apertura con il Presidente Mattarella, ma anche le preoccupazioni dovute al terrorismo. E ancora la genesi delle Universiadi per intuizione del presidente del Cusi Lentini. Aneddoti e particolari, come i numeri snocciolati dall'ex commissario Aru Gianluca Basile che ha diretto la macchina, le federazioni regionali con il collante del Coni campano guidato da Sergio Roncelli che assieme all'Ussi ha organizzato la giornata.
© RIPRODUZIONE RISERVATA