scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/04/2021

Un’azienda pugliese vince l’appalto spaziale

La Repubblica - red.eco.

Il progetto Copernicus
Exprivia, in partnership con Sony, fornirà per i prossimi 18 mesi il servizio di archiviazione dei dati provenienti dai satelliti in orbita nell'ambito del programma Copernicus Sentinels realizzato dall'Unione Europea e dall'ESA (European Space Agency). La gara pubblica internazionale bandita dall'ESA e vinta da Exprivia riguarda il sistema Long Term Data Archive Service (LTA), per la conservazione dei dati provenienti dalle coppie di satelliti 'Sentinel 1, 2 e 3' che monitorano l'ambiente. ● a pagina 7 Exprivia, in partnership con Sony, fornirà per i prossimi 18 mesi il servizio di archiviazione dei dati provenienti dai satelliti in orbita nell'ambito del programma Copernicus Sentinels realizzato dall'Unione Europea e dall'ESA (European Space Agency). La gara pubblica internazionale bandita dall'ESA e vinta da Exprivia riguarda il sistema Long Term Data Archive Service (LTA), per la conservazione dei dati provenienti dalle coppie di satelliti 'Sentinel 1, 2 e 3' che monitorano l'ambiente terrestre e marino, le superfici terrestri e i loro movimenti, fornendo informazioni su inquinamento, cambiamenti climatici ed ecosistemi, oltre che mappature a sostegno umanitario in situazioni di crisi. Il rivoluzionario sistema di archiviazione dei dati "grezzi" - captati direttamente dal satellite - utilizzerà per la prima volta in Europa i nuovi supporti ottici ODA GEN3, la terza generazione della tecnologia Optical Disc Archive di Sony, un sistema indirizzato al segmento di archiviazione a lungo termine per l'immagazzinamento dei Big Data. Grazie a ODA, per i prossimi 100 anni, infatti, un'immensa quantità di informazioni (più di 8 Peta Bytes a fine 2021) provenienti dall'osservazione e dal monitoraggio della Terra, sarà conservata in dispositivi più performanti e duraturi rispetto ai tradizionali supporti magnetici. I dati, una volta processati a livelli superiori, saranno disponibili gratuitamente per cittadini, enti pubblici e privati (tra cui Istituti di ricerca, autorità militari o governative) e imprese autorizzate che ne faranno richiesta.
Il servizio di LTA, sviluppato per la prima volta in ambito Aerospace su tecnologia ottica e da un'azienda italiana, registra un flusso giornaliero di circa un Terabyte (TB) di dati per ogni satellite dai centri di "acquisizione-e-processamento" europei, estrae i metadata e li archivia on-line, near-line e off-line. La soluzione proposta da Exprivia consentirà di catalogare, controllare e indicizzare i dati, garantendone la conservazione e il recupero futuro. È anche la prima volta che l'ESA affida l'archiviazione dei dati a una società esterna che provvederà alla tempestiva e accurata conservazione delle informazioni raccolte, oltre che a un monitoraggio periodico sulla loro accessibilità.
"I dati grezzi acquisiti dai satelliti Copernicus - dichiara Roberto Medri, Head of Digital Factory, Defence & Aerospace di Exprivia - sono la base di tutte le informazioni provenienti dal nostro pianeta e costituiscono un patrimonio di fondamentale importanza. La soluzione ideata da Exprivia, unita alla tecnologia ODA di Sony, garantisce affidabilità e sicurezza".
Collaborano come partners strategici le società Retelit, per l'infrastruttura Cloud sulla quale elaborare la grossa mole di dati da archiviare, e Mandarin (local telco operator) che gestisce i servizi di colocation, IP Transit e Peering erogati presso il Data Center di OpenHubMed (open Exchange e Neutral Access Point). -
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: kNello spazio Copernicus Sentinels realizzato dall'Unione Europea e dall'Esa : assicurerà per 100 anni informazioni preziose sulla salute del pianeta