scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/05/2021

” Una scelta gravissima sulla pelle degli operai: sarà sciopero generale “

Il Fatto Quotidiano - Patrizia De Rubertis

L ' INTERVISTA Alessandro Genovesi (Cgil)
" I l governo pensa di ridurre le tutele e i diritti conquistati dai lavoratori a colpi di decreto, generalizzando il massimo ribasso e liberalizzando totalmente il subappalto. Così si torna alla giungla dei cantieri, alle interferenze in cantiere, al pagamento a cottimo. Insomma, agli anni 50, quando la vita dei lavoratori non contava nulla. Il governo si assumerà la responsabilità di una rottura senza precedenti con le parti sociali " . Alessandro Genovesi, il segretario generale della Fillea Cgil chesi occupa delsettore delle costruzioni, non usa mezzi termine nelcommentare la bozzasul dl Semplificazioni che il governo si appresta a portare in Consiglio dei ministri la prossima settimana. Genovesi, è un testo così pegg i o rat i v o? La semplificazione non è sinonimo di deregolamentazione, soprattutto quando va a colpire la legalità e la qualità del lavoro. Qualità intesa anche come sicurezza, prevenzione e certezza salariale. Altro che contrasto ai morti sul lavoro, altro che rigenerazione e riqualificazione, innovazione e qualità, altro che mobilità sostenibile. Quali sono le norme che contest ate? La criticità più rilevante è quella relativa alla questione del limite del subappalto. Attualmente lo Sblocca-cantieri prevede che per l ' assegnazione diretta, la procedura negoziatao conun bandodi gara l ' eventuale sub appalto non possa superare il 40%. Il nuovo decreto prevede, invece, che chi vincerà l ' appalto non potrà cedere integralmente il lavoro. Tradotto significa che si potr? cedere in subappalto fino al 99,9% del lavoro. Ma con ponti e gallerie ? pure peggio. Cosa ? previsto? ? stata del tutto abrogata la percentuale minima e massima di esternalizzione dell ? appalto per le opere specializzate in cantiere. Cos? altro che sicurezza, ne crolleranno 100 di ponti... Il rischio ? di un ? apertura agli illeciti? ? un ritorno di fatto ai peggiori Anni 50, quando l ? edilizia era caratterizzata dal cottimo. Prevedere il massimo ribasso generalizzato e la liberalizzazione dei sub appalti nei giorni in cui si contano i morti sul lavoro ? inaccettabile. Stiamo tornando verso cantieri dove ci saranno centinaia di operai di svariate societ? senza controlli sulla sicurezza. Eppure l ? Italia dovrebbe diventare un Paese con pi? qualit?, innovazione e verde. Un ritorno indietro che stride con il Piano nazionale di ripresa e resilienza... Anche la piramide di Cheope ? stata un ? opera, a suo modo, g re e n , costruita senza inquinare. Ma sono morti 25 mila schiavi per costruirla. Con questo decreto, il governo dimostra che i 200 milioni di euro previsti dal Pnrr per grandi e piccole opere andranno a modernizzare il Paese, ma a discapito della salute e della vita dei lavoratori. Cosa chiedete al governo? Con gli altri sindacati di settore, Feneal Uil e Filca Cisl, siamo sempre stati impegnati a proporre semplificazioni e miglioramenti amministrativi e tecnici, perch? siamo i primi interessati a creare buona e stabile occupazione. Ma se il governo non ci ascolter? e inserir? la liberalizzazione dei subappalti in decreto sar? mobilitazione immediata e sciopero generale.