scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/04/2021

Una ragioniera alla guida del Falusi Soluzione “ponte” verso i nuovi vertici

Il Tirreno - Giulia Sili

Francesca Mucci è la nuova commissaria della Rsa Una scelta per permettere il pagamento degli stipendi la nomina
Giulia Silimassa marittima. A guidare il Falusi sarà Francesca Mucci, ragioniera del Comune di Massa Marittima: è questo il nome fatto dal sindaco Marcello Giuntini in seguito al consiglio comunale di giovedì sera. Mucci è quindi la nuova commissaria della rsa massetana che dagli inizi di marzo non aveva più una guida. Lorenzo Brenci, il presidente che si è dimesso, era stato nominato soltanto a novembre 2019, dopo diversi mesi di colloqui. Il Cda dimissionario era composto da Paolo Mazzocco della consulta Civica massetana, Maria Angela Fusi, impiegata dell'Unione di Comuni Montana Colline Metallifere, Mauro Giusti, ex sindaco di Gavorrano e Giancarlo Rossi, ex dipendente dell'Enel. «Ho fatto questa scelta per dare continuità all'azione amministrativa dell'ente - dice il sindaco Giuntini - E anche per permettere il pagamento degli stipendi nei prossimi giorni questa è stata la scelta più ragionevole». Il primo cittadino non esclude che Mucci possa essere sostituita già nelle prossime settimane ma neanche che la neoeletta commissaria possa guidate la rsa per tutto il tempo necessario a trovare una soluzione alle varie problematiche. Giuntini in occasione del consiglio comunale di giovedì sera ha ripercorso l'ultimo anno del Falusi, dall'elezione del presidente Brenci all'arrivo della pandemia, fino ad arrivare alle dimissioni in tronco di tutto il cda. Alla base della scelta fatta dal Cda c'era la mancata razionalizzazione degli appalti e delle ore di lavoro dei dipendenti ma soprattutto la mancata revisione dei canoni di affitto della residenza di Follonica, di proprietà regionale. Un canone molto impegnativo: 117 mila euro.Le criticità sono numerose: Nella rsa Falusi al momento si contano quattro diversi appalti, uno per ciascuna residenza, più uno per le pulizie. E quello che Brenci stava provando a fare prima delle dimissione era realizzare un unico appalto con un unico soggetto gestore. «Avere un unico gestore per il socio assistenziale e per le pulizie può migliorare molto la nostra situazione» aveva spiegato Brenci. L'approvazione del bilancio consuntivo del 2020 dovrà avvenire entro giugno 2021 e a questo punto ad occuparsene sarà la nuova commissaria, nominato per guidare la struttura. La scelta del commissariamento era la più probabile: «Ritengo che sia la soluzione più adeguata - ha detto Barbara Fiorini del partito Repubblicano - credo però che per risollevare le sorti della rsa sia necessario che al commissario vengano date delle direttive ben precise sull'iter da seguire. È quindi importante capire quali siano gli interventi del commissario e fare varie valutazione sulle prospettive del Falusi». La prima questione da risolvere riguarda proprio il canone di affitto della residenza di Follonica. Una questione spinosa che l'ex presidente non era riuscito a risolvere: «Purtroppo non abbiamo mai avuto garanzie sul canone di affitto della residenza di Follonica: un canone da 117mila euro insostenibile dal punto di vista finanziario - aveva spiegato Brenci al Tirreno - Non ho potuto avere un dialogo con la Regione, più volte cercato, e in questo modo a mio parere non c'erano più le condizioni per lavorare». --© RIPRODUZIONE RISERVATA