MENU
Chiudi
22/09/2018

Una nuova luce sui monumenti Mezzo milione per l’intervento

QN - La Nazione

- SPOLETO - NUOVA illuminazione e strade più sicure, ma niente biciclette. Entra nel vivo l'Agenda Urbana coordinata dall'assessore Angelo Loretoni con il Comune che ha già avviato tre importanti progetti, finanziati con fondi regionali per oltre un milione di euro. Dopo l'intervento finalizzato a riqualificare il sistema di illuminazione pubblico del centro storico (800 nuovi lampioni «intelligenti» a led ad alta efficienza e a basso impatto ambientale), l'ente pubblico ha affidato alla ditta «I-Dea srl» di Imola la gara d'appalto per l'installazione di una serie di impianti di illuminazione, sempre finalizzati al risparmio energetico nei monumenti più importanti della città. IL COSTO dei lavori è di 521mila euro e il progetto interesserà la basilica di San Salvatore (33mila euro), la chiesa dei Santi Giovanni e Paolo (20mila), palazzo Collicola «Arti Visive» (252mila), palazzo Ancaiani (35mila), piazza Duomo (55.290,12), la fontana di piazza del Mercato (18mila), l'Arco di Druso e Germanico (24mila), il «Teodelapio» di Alexander Calder (40mila) e le opere «la Colonna del Viaggiatore» di Arnaldo Pomodoro (8mila), «Spoleto 1962» di Nino Franchina (20mila), il «Dono di Icaro» di Beverly Pepper (5mila), «Stranger III» di Lynn Chadwick (6mila) e «Colloquio spoletino» di Pietro Consagra (5mila). Sul fronte della sicurezza stradale è in partenza invece il primo stralcio del progetto «Zona 30». Il Comune ha affidato all'Ati, composta dalle ditte «RB Srl» di Gualdo Cattaneo e «Lillocci Impianti elettrici» di Foligno, l'appalto pubblico relativo alla prima fase dell'intervento che dovrebbe riguardare viale Matteotti e viale Martiri della Resistenza. Lungo un tratto di strada di circa 3 km verranno installati degli attraversamenti pedonali rialzati e un dissuasore elettronico dotato di pannello luminoso per la rilevazione della velocità. Salta invece, almeno per il momento, il progetto di bike sharing. IL BANDO pubblico, scaduto il 20 settembre, è andato deserto. Il progetto prevedeva l'attivazione di 5 ciclostazioni nei pressi della stazione ferroviaria, nei parcheggi «Posterna» e «Spoletosfera», in piazza Garibaldi/piazza della Vittoria e in piazza della Libertà, ognuna delle quali dotate di sei biciclette a pedalata assistita. Il bando per il concessionario prevedeva un contributo di 94mila euro in dieci anni a fronte di un valore presunto di 280mila euro. Ora il comune dovrà decidere se riproporre il bando da assegnare comunque entro la fine dell'anno.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore