scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/02/2021

Una nuova illuminazione accenderà Jesi

Corriere Adriatico

I lavori inizieranno a primavera per sostituire 8.400 punti luce con led
L'APPALTO
JESI Le buste sono state aperte e una graduatoria provvisoria è stata stilata nel corso dell'ultima settimana: considerati i tempi tecnici per l'aggiudicazione definitiva dell'appalto e le relative verifiche da effettuare, potrebbero partire in primavera i lavori per l'integrale rifacimento della pubblica illuminazione in tutta la città. Sarà un'operazione da quasi 5 milioni, con la sostituzione di quasi 8.400 punti luce con led e un nuovo volto per centro e mura storiche.
«Un progetto vasto - spiega l'assessore ai Lavori Pubblici Roberto Renzi - che comprende anche, concordato con la Soprintendenza, il rifacimento della illuminazione del centro storico e delle mura, che potranno essere ammirati sotto una luce più bella e gradevole. Terminato il lavoro della commissione di gara, si partirà presto per la realizzazione». Erano sedici le proposte pervenute dalle ditte in risposta alla manifestazione d'interesse che era stata indetta. Si procederà in tre lotti: centro, nord e sud della città. È JesiServizi a occuparsi di gara e realizzazione: l'impianto del programma prevede che il Comune assegni alla sua società partecipata la gestione ventennale dell'illuminazione pubblica cittadina, comprensiva del progetto di ammodernamento. Alla JesiServizi il Comune trasferirà un canone annuo di 854mila euro, corrispondente alla cifra attualmente e abitualmente spesa ogni dodici mesi per i consumi di energia elettrica e gli interventi di manutenzione.
Un conto complessivo da oltre 17 milioni in vent'anni, nel quadro del quale ricavare anche le risorse necessarie alla progressiva sostituzione degli attuali punti luce con lampade al led che «garantiranno una migliore visibilità assicurando - spiega piazza Indipendenza - un significativo risparmio energetico e, di conseguenza, economico». L'idea è che fra ribassi d'appalto, economie di scala e risparmi legati a tecnologie moderne e a basso consumo, con la stessa somma spesa attualmente si riesca, su più anni, a sostenere l'investimento per la riqualificazione complessiva.
f. r.
© RIPRODUZIONE RISERVATA