scarica l'app
MENU
Chiudi
08/06/2019

Un sistema che produce il 13,3% del Pil locale: «Bene le nuove norme sugli appalti di servizi»

Il Trentino

LA SODDISFAZIONE DEL DIRETTORE CESCHI
• Nella relazione tecnica dell'assemblea il direttore della Federazione Alessandro Ceschi (foto) ha espresso la soddisfazione per l'approvazione dell'emendamento al disegno di legge sulla semplificazione, approvata mercoledì scorso dal Consiglio provinciale. L'emendamento evita l'applicazione incondizionata del principio di rotazione. Attualmente, infatti, una cooperativa o qualsiasi impresa che gestisce un servizio, alla scadenza di un appalto non può più essere reinvitata per proseguire quell'attività. L'emendamento sostanzialmente prevede che il principio di rotazione non sia più tassativo. Si dovranno scrivere le linee guida con le quali disciplinare le modalità con cui il gestore uscente potrà essere reinvitato al momento della cessazione del servizio. "Un risultato significativo - ha detto il direttore - che dovremmo rendere concreto al più presto". I conti • Sul fronte del bilancio, il documento contabile della Federazione chiude con 575 mila euro di utile che porta il patrimonio netto a crescere fino a 32,5 milioni di euro. Più in generale, il sistema cooperativo in Trentino - è stato evidenziato - genera da solo il 13,3% del Pil. Un sistema forte di 471 imprese che produce un giro d'affari (escluso il credito) di 2,5 miliardi di euro all'anno. La cooperazione detiene in provincia di Trento quote di mercato rilevanti: oltre l'85% in agricoltura, il 58% nel credito e il 35% nel consumo. I nuovi membri del cda • Successivamente all'approvazione del bilancio, l'assemblea ha eletto tre componenti già cooptati nel Cda, di cui due in rappresentanza del settore agricolo. Lorenzo Libera, in sostituzione del dimissionario Bruno Lutterotti, è presidente della Cavit e della Cantina sociale di Avio. Renzo Marchesi, subentrato al dimissionario Saverio Trettel, è presidente del Trentingrana-Concast e del Consorzio produttori agricoli di Rumo. Paolo Spagni, succeduto per cooptazione a Mariangela Franch, è presidente della Famiglia Cooperativa Atesina.