scarica l'app
MENU
Chiudi
11/11/2019

Un milione per la prevenzione della violenza contro le donne

La Nuova Ferrara

Dieci Comuni ferraresi tra i destinatari dei fondi per reti di ascolto e protezione Priorità ai progetti proposti da enti e associazioni con sede in zone isolate bando regionale
Sono dieci i Comuni del Ferraresi che potranno beneficiare del nuovo bando regionale contro la violenza di genere e le discriminazioni, anche ai danni di donne straniere migranti. I fondiUn milione di euro messi a disposizione dall'Emilia Romagna per progetti finalizzati a potenziare le reti di ascolto e protezione per le vittime di abusi e violenza, a prevenire e contrastare fenomeni di emarginazione sociale con particolare attenzione alle zone più isolate e meno accessibili per il personale specializzato, allo scopo di favorire la loro piena integrazione nel circuito regionale.I ComuniDa qui la caratterizzazione "geografica" del bando che si rivolge ai Comuni montani e, appunto, a dieci municipalità distribuite tra il medio e basso ferrarese. Si tratta di Riva del Po, Tresignana, Copparo, Jolanda di Savoia, Codigoro, Mesola, Goro, Lagosanto, Fiscaglia e Comacchio. Le domande vanno presentate entro il 6 dicembre.I progettiIl bando è rivolto agli enti locali, alle associazioni di promozione sociali e alle organizzazioni di volontariato e onlus. I progetti devono essere realizzati e conclusi entro la fine del 2020 nel territorio regionale e ciascun candidato può presentare un solo progetto.Gli obiettivi«Continua con determinazione l'azione regionale nella lotta contro la violenza e le discriminazioni di genere - ha dichiarato l'assessore regionale alle Pari Opportunità, Emma Petitti - Dopo il recente bando da 470.000 euro per l'apertura di nuovi centri antiviolenza, sportelli e case rifugio, con questo ulteriore finanziamento vogliamo potenziare la nostra rete di protezione, prevenzione e ascolto attraverso il sostegno e la valorizzazione delle attività promosse dagli enti locali e dal mondo dell'associazionismo. Con questo bando - conclude l'assessore regionale - vogliamo valorizzare in particolare i progetti nelle zone più isolate per permettere a tutte le donne di avere dei riferimenti vicini e far sì che non si sentano abbandonate nel loro percorso».-- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI