scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/04/2021

Un bonus fino a mille euro per chi chiude causa Covid

Il Tirreno - Azelio Biagioni PRATO.

Il Comune lancia un bando rivolto a commercio, ristorazione e turismo Sarà necessario denunciare un calo del fatturato di almeno il 25% nel 2020 L'emergenza coronavirus
Azelio BiagioniPRATO. Per andare incontro a quanti stanno pagando il prezzo della crisi Covid il Comune ha pensato a un bando da un milione di euro di sostegno per le attività economiche. Prima c'è da aspettare l'approvazione del bilancio preventivo. Subito dopo il bando sarà pubblicato su un'apposita piattaforma che si troverà sul sito dell'amministrazione comunale. Il sostegno, ad ogni beneficiario, sarà da 500 a mille euro. «Un sostegno economico una tantum e a fondo perduto - specifica l'assessore al bilancio Benedetta Squittieri - riservato a imprese e professionisti». Potrà farne richiesta chi, nel corso del 2020, ha avuto un calo del fatturato di almeno il 25% rispetto al 2019. Verrà poi stilata una graduatoria e la somma sarà erogata entro la fine dell'estate. «Abbiamo pensato anche a quelle imprese nate nel 2020 - aggiunge il sindaco Matteo Biffoni - Queste beneficeranno del bando ma in maniera ridotta. Riceveranno minimo 500 euro e saranno inserite in cima alla graduatoria».Le risorse sono così suddivise: 800mila euro per i settori dei servizi alla persona, della ristorazione e del commercio, 200mila per la filiera del turismo. «Se avanzassero risorse da uno dei due settori - spiega Squittieri - andremo a finanziare la graduatoria attingendo dall'altro fondo. Non si tratta di una cifra risolutiva dei problemi - sottolinea l'assessore - ma vogliamo dare un aiuto a quelle aziende che reggono tra mille difficoltà e delle quali comprendiamo le richieste. Inoltre - assicura Squittieri - sulla piattaforma non ci sarà un "click day" ma potranno essere inseriti i dati per la richiesta del contributo in qualsiasi momento fino alla chiusura del bando». Nel caso in cui i titolari di un'impresa non abbiano potuto svolgere la propria attività nel 2019 per malattia, gravidanza o assistenza a figli minori con gravi handicap, verrà preso in riferimento il fatturato del 2018. Il bando è stato annunciato durante la presentazione del bilancio di previsione 2021/2023, già vagliato dalla giunta. Ora sarà discusso nelle varie commissioni, quindi approderà in consiglio comunale (il 22 aprile) per la sua approvazione. Le imposte nella manovra finanziaria saranno stabili. «Un bilancio - dice l'assessore Squittieri - che è marcato dall'incertezza Covid, su quanto durerà ancora questa pandemia e quale sarà l'impatto socio economico che la crisi avrà sulla città e quindi quanto il Comune saprà rispondere ai bisogni che sono stati generati da questa crisi». Le risorse del fondo 2020 dovranno coprire le minori entrate 2021, attualmente stimate in circa 1,8 milioni di euro. Lo stanziamento iniziale per la spesa corrente 2021 emergenza Covid sfiora i 4 milioni di euro, di cui 1,2 coperti con fondi statali, il resto con risorse comunali. I fondi governativi 2020 tra funzioni fondamentali, solidarietà alimentari, centri estivi, servizi educativi, sanificazioni e altro sono stati di 18.674.000 euro. Di questi oltre 5,5 milioni sono avanzati e potranno essere applicati nel 2021, più altri fondi bis per quasi 4 milioni. Per quanto riguarda lo stanziamento di spesa corrente (202.790.000 euro) è incrementato rispetto all'iniziale 2020 di circa 4.665.000 euro soprattutto per spese inerenti l'emergenza Covid. --© RIPRODUZIONE RISERVATAL'e