scarica l'app
MENU
Chiudi
13/06/2020

Un bando di gara mette nei guai l’ex vicesindaco

La Stampa - GIUSEPPE LEGATO

L'INDAGINE SU MONTANARI
- P..36 Il reato contestato è «turbata libertà del procedimento di scelta del contraente», ma altro non è che la traduzione giuridica di un bando truccato per cui la procura di Torino ha indagato l'ex vicesindaco e assessore all'Urbanistica del Comune di Torino Guido Montanari reo - secondo la tesi formulata dal pm Gianfranco Colace - di aver predisposto una procedura di selezione artefatta, cucita su misura affinché però (stavolta) non partecipasse nessuno. Si tratta del bando per il direttore di UrbanLab, associazione fondata dal Comune di Torino e che vede come socio la Compagnia di San Paolo: una sorta di centro studi sulle politiche urbanistiche della città. Insieme con Montanari - e per lo stesso reato - sono indagati in concorso i membri del comitato direttivo dell'ente: la presidente Elena Dellapiana, docente del Politecnico voluta da Montanari quand'era vice di Appendino, e Marco Demarie, funzionario della Compagnia. Ieri mattina sono stati convocati in procura. I carabinieri del pool del Palagiustizia hanno sequestrato i telefonini, restituiti dopo aver effettuato una copia forense. Gli inquirenti cercheranno conferme dell'accusa in eventuali chat rimaste sugli smartphone anche dell'attuale direttrice Valentina Campana (non indagata), convocata anche lei, ieri. Il bando era stato pubblicato il 31 marzo del 2019 ed era diventato praticamente obbligatorio dopo la modifica dello statuto dell'ente. Si trattava si un incarico da svolgere full time, a carattere di esclusività ma - e questo colpì subito numerosi osservatori politici e non - a titolo gratuito. Parteciparono due professionisti (non Valentina Campana, direttrice dell'Urban center, ente predecessore del Lab) ma nessuno venne scelto. Uno dei pretendenti, a bando ultimato, presentò un esposto in procura lamentando «gravi irregolarità». Rimase cosi in sella Campana, già retribuita come dipendente del Comune. Ma secondo il pm era tutto organizzato dall'inizio per ottenere questo epilogo. -

Foto: Il pm Gianfranco Colace REPORTERS Ambientalista e No Tav, l'ex vicesindaco Guido Montanari insegna ad Architettura