scarica l'app
MENU
Chiudi
24/06/2019

Un bando bis per Rocca Brivio

QN - Il Giorno

di ALESSANDRA ZANARDI - SAN GIULIANO MILANESE - A QUANDO il bando bis per la gestione di Rocca Brivio? «Sull'argomento sembra calato il silenzio, invece i cittadini hanno il diritto di sapere». Le associazioni Italia Nostra e Vivai ProNatura provano a riaccendere i riflettori sul maniero secentesco che è fra i gioielli storico-paesaggistici del Sud Milano. Di proprietà della Rocca Brivio Sforza srl, società pubblica da anni in regime di liquidazione, l'edificio è alla ricerca di un conduttore esterno che, attraverso un progetto socio-culturale, sia disponibile a valorizzarlo. UNA PARTITA non facile da giocare, se pensiamo che un bando in questo senso, con scadenza 31 ottobre 2018, è andato deserto e ad oggi si aspetta ancora l'emissione di un nuovo concorso per cercare d'individuare un gestore. «Al di là degli eventi che la Rocca ospita periodicamente, specie in questo periodo, la cittadinanza dovrebbe essere informata sui passaggi che la proprietà intende fare - dice Cristiana Amoruso, presidente di Italia Nostra Sud Milano - In occasione delle visite guidate, tante persone tra il pubblico chiedono quale sarà il futuro dell'edificio. Spiace non essere in grado di dare una risposta. Se anche il nuovo bando dovesse andare deserto, cosa accadrà? C'è forse il rischio che la Rocca venga messa in vendita?». «L'impressione è che si proceda senza una prospettiva precisa; intanto, il bene continua ad essere sottoutilizzato - aggiunge Franco Rainini dai Vivai ProNatura - Bisognerebbe tentare la strada del privato sociale per valorizzarlo e rilanciarlo». LA CONDUZIONE del maniero si conferma un tema spinoso, tanto più che una gestione diretta dell'edificio da parte dei Comuni di San Giuliano, San Donato e Melegnano - che insieme a Cap Holding e all'associazione Roccabrivio sono i proprietari del bene - non sarebbe percorribile da un punto di vista economico e logistico. I Comuni restano concordi sul fatto che la fruizione del complesso monumentale debba restare, almeno in parte, pubblica: la Rocca è patrimonio della comunità. Il nuovo bando per l'assegnazione dell'edificio potrebbe vedere la luce entro l'estate. © RIPRODUZIONE RISERVATA