scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
27/04/2021

Un asilo da 1,3 milioni pronto entro il 2023

Messaggero Veneto - Alessandro Cesare

Dopo l'iter burocratico, l'opera sarà realizzata in 18 mesi Sarà anche messa a norma la scuola media di Feletto Tavagnacco
Alessandro Cesare/ TavagnaccoÈ stato pubblicato il bando per l'affidamento in concessione dei servizi energetici e tecnologici del comune. Una gara basata sullo strumento della finanza di progetto, che tra le sue pieghe contiene anche la demolizione e la costruzione della scuola materna di Tavagnacco. Chi risulterà vincitore del bando, che scadrà il prossimo 20 maggio, dovrà occuparsi anche dell'abbattimento del vecchio edificio scolastico, ormai non più a norma e quindi non utilizzabile, della realizzazione ex novo della scuola (sarà ultimata nei primi mesi del 2023), dell'acquisto degli arredi e della sua manutenzione investendo 1, 3 milioni di euro. In cambio riceverà in gestione gli impianti di riscaldamento e raffrescamento del Comune (municipio, palestre, mense, edifici scolastici) per un periodo di 15 anni (il valore dell'appalto supera di poco i 4, 7 milioni di euro). La società proponente che ha ispirato il projec financing è il gruppo AcegasApsAmga Servizi Energetici Spa del Gruppo Hera. «In questo caso - precisa l'assessore ai Lavori pubblici Paolo Morandini - la proposta alla base del bando è quella già avanzata dal gruppo Hera, che risulta avvantaggiato anche nel caso di soluzioni migliorative, avendo la possibilità di adottarle direttamente facendole proprie». Una volta terminato l'iter di affidamento dell'incarico, il cantiere della nuova scuola dovrà durare 18 mesi. «L'edificio - aggiunge Morandini - sarà realizzato in classe energetica Nzeb, quindi praticamente a impatto zero. Sarà la prima operazione di questo tipo in Italia. Siamo convinti che la strada del project financing porterà benefici al nostro territorio». Restando in tema scolastico, l'amministrazione ha dato il via alla gara per l'adeguamento sismico della scuola elementare di Feletto Umberto per un importo complessivo di 558 mila euro (risorse concesse dal ministero dell'Istruzione). «Un intervento che contiamo di avviare a inizio estate, quando i ragazzi non saranno più in aula - conclude Morandini - a cui seguiranno altri lavori di messa in sicurezza dell'edificio per ulteriori 220 mila euro. Grazie a queste opere il polo scolastico di Feletto diventerà all'avanguardia sia sotto il profilo della sicurezza che dell'efficientamento energetico». --© RIPRODUZIONE RISERVATA