scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
25/02/2021

Un 2020 nero per le imprese «Ma si torna ad investire»

Corriere del Veneto - Gian Maria Collicelli

Camera di commercio, la congiunturale è piena di segni negativi. Xoccato: «Ora però si guarda al futuro senza rassegnazione». Bando per aiutare la ripartenza
Il virus del Covid-19 è arrivato in un corpo robusto, che sa resistere e che guarda al futuro senza rassegnarsi». Il paragone medico racchiuso nelle parole del presidente della Camera di commercio Giorgio Xoccato rende l'idea del sentimento diffuso tra le aziende vicentine e registrato dall'ente camerale riguardo le prospettive economiche al tempo della pandemia. In particolare nei confronti delle previsioni per il 2021, che per via Montale sono di «moderata positività» dopo un 2020 contrassegnato dai segni meno. Uno su tutti, tra quelli resi noti ieri dall'ente camerale: la produzione industriale media annuale delle imprese vicentine nel 2020 è calata del 11,7% rispetto all'anno precedente. Numeri che si accompagnano alle oltre 70 milioni di ore di cassa integrazione autorizzate in provincia e alla riduzione dell'occupazione nel settore manifatturiero tra il 2020 e il 2019: alla fine dello scorso dicembre gli addetti erano 143.204, in calo del 1,2% rispetto a dodici mesi prima. Ma, appunto, sull'anno appena iniziato ci sono prospettive migliori: nel report congiunturale della Camera di commercio il 38,6% degli imprenditori vicentini prefigura nei prossimi mesi un aumento della produzione, mentre il credito bancario alle imprese ha superato quota 14 miliardi di euro alla fine dell'anno scorso (+ 6,7% sul 2019), con un aumento più marcato dei prestiti nel comparto manifatturiero (7,6%). «Registro poca rassegnazione tra gli imprenditori - dichiara Xoccato - e anzi, vedo che nonostante tutto gli investimenti reggono, segno che il sistema è robusto ma va sostenuto in questa fase di ripartenza». Proprio in quest'ottica, la Camera di Commercio dall'inizio della pandemia ha messo in piedi una serie di iniziative e di bandi di finanziamento per le imprese che alla fine di quest'anno raggiungeranno quota 10 milioni di euro. Ai 6 milioni di euro stanziamenti del 2020 si aggiungono infatti altri 4 milioni di euro previsti quest'anno, tra cui 1,4 milioni di euro per 4 bandi a sostegno di iniziative mirate nei settori dell'innovazione, dell'internazionalizzazione, della promozione turistica e in generale «a favore della competitività del tessuto economico». I fondi arrivano dall'aumento del 20% del diritto annuale stabilito dall'ente di via Montale, che ieri ha annunciato il primo bando da 500 mila euro per favorire una maggiore digitalizzazione delle imprese vicentine: lo strumento prevede di contribuire a investimenti in capitoli come le soluzioni cloud, la robotica, la stampa 3D, investimenti in cybersicurezza e soluzioni per l'e-commerce (ma non strumenti di connettività come tablet e smartphone, già finanziati lo scorso anno). Ciascuna azienda richiedente potrà ottenere duemila euro di contributo su una spesa di almeno quattromila euro oppure un contributo di quattromila euro per una spesa minima di ottomila. Le domande vanno presentate in forma telematica tra il 23 marzo e il 13 aprile prossimi e possono partecipare le imprese con sede legale o unità locali in provincia. Il bando per la digitalizzazione emanato lo scorso anno da via Montale ha elargito 578 mila euro a 295 imprese (erano 427 quelle che avevano presentato domanda e 372 quelle ammesse a contributo), muovendo un giro d'affari di quasi 1,5 milioni di euro. -11,7 Per cento: è il calo medio della produzione industriale -1,2 Per cento: è il calo dell'occupazione rispetto al 2019 70 Milioni. Le ore di cassa integrazione autorizzate nel corso del 2020 nel Vicentino +6,7 Per cento. È l'aumento del credito bancario verso le imprese 10 I milioni di euro che entro il 2021 l'ente camerale avrà elargito alle imprese

Foto: «Corpo robusto» Così il presidente della Camera di commercio Giorgio Xoccato ha definito le aziende vicentine. In foto anche Elisabetta Bosco, segretario generale Cciaa