scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
25/08/2021

Ultimissimi giorni per chi è intenzionato a farsi …

Il Tirreno

Ultimissimi giorni per chi è intenzionato a farsi avanti e partecipare al maxi-concorso del Comune di Livorno: la scadenza è fissata a un minuto prima della mezzanotte di lunedì prossimo, in ballo ci sono settanta assunzioni a tempo indeterminato. DUE BANDI, CINQUE PROFILIIn realtà stiamo parlando di due bandi differenti, a loro volta divisi fra profili diversi: il primo bando mette in pista 40 posti per chi ha il diploma di scuola superiore (25 in campo amministrativo e 15 in quello della vigilanza.); il secondo riguarda 30 posti per laureati (e, nello specifico, 15 nel settore amministrativo, dieci in quello tecnico e i rimanenti cinque in quello della vigilanza). DOMANDE SOLO ON-LINERicordiamo che la domanda può essere presentata solo on-line: ma bisogna disporre dell'identità digitale "Spid", dunque se non la si ha è opportuno prima di tutto procurarsela (per dirne una, utilizzando gli uffici postali ma su www.spid.gov.it potete trovare la vasta gamma di modalità e gestori che facciano al caso vostro). La domanda, dicevamo, va presentata on-line e l'indirizzo giusto è comunelivorno.selezionieconcorsi.it/ (attenzione che dal Comune si invita a usare qualsiasi browser però «evitando di usare Internet Explorer»). DOVE TROVARE IL BANDOIl bando - è sempre consigliabile leggerlo per evitare sviste e errori - lo potete reperire non solo all'albo pretorio di Palazzo Civico ma anche sul sito web istituzionale (cioè www.comune.livorno.it link "concorsi e selezioni", poi "concorsi", quindi "procedure selettive pubbliche") e, per estratto, anche sulla Gazzetta Ufficiale n. 60. I REQUISITI PER TUTTIAlcuni requisiti sono validi per tutti i sottosettori del "concorsone": ci stiamo riferendo al fatto di avere minimo 18 anni, idoneità fisica all'impiego, a parte i requisiti standard per l'accesso al pubblico impiego (non esser stati destituiti per scarso rendimento, niente condanne penali gravi, godimento dei diritti politici, ecc.). A ciò si aggiunga che i maschi nati entro il 1985 devono avere anche la posizione regolare riguardo agli obblighi di leva. I REQUISITI SPECIFICIQuanto ai requisiti specifici, eccoli. Cominciamo dai diplomati, categoria C1. Per il bando riguardante i 25 amministrativi: occorre il diploma (durata quinquennale, conseguito in scuola italiana). Per i 15 posti settore vigilanza: servono il diploma (vedi sopra) e la patente B, i requisiti per compiti di polizia giudiziaria o polizia stradale (art. 5 della legge 65/86), i requisiti psicofisici per il rilascio del porto d'armi e non esser stati ammessi a «prestare servizio militare non armato o servizio sostituivo civile in quanto obiettori di coscienza» oppure aver rinunciato a tale status. Ecco invece quelli per i laureati categoria D1. Per i 15 amministrativi: indispensabile la laurea (che sia vecchio ordinamento o laurea di primo livello L, specialistica Ls oppure magistrale Lm, comunque appartenente alle classi di giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio oppure equiparati e equipollenti). Per i cinque posti nel settore vigilanza: oltre a quelli indicati appena sopra (più patente B), vanno aggiunti i requisiti per compiti di polizia giudiziaria o polizia stradale (art. 5 legge 65/86), i requisiti psicofisici per il rilascio del porto d'armi e non esser stati ammessi a «prestare servizio militare non armato o servizio sostituivo civile in quanto obiettori di coscienza» o aver rinunciato a tale status. Per i dieci posti nel settore tecnico: occorre la laurea vecchio ordinamento (Dl) in ingegneria civile, ingegneria edile, ingegneria edile architettura oppure in architettura; laurea specialistica (Ls) o magistrale (Lm) equiparate ad essi o laurea triennale classe 08; lauree in ingegneria civile e ambientale; laurea triennale classe L7 ingegneria civile e ambientale o equiparati ed equipollenti; laurea triennale classe 04 scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile, classe 07 urbanistica e scienze della pianificazione territoriale e ambientale; laurea triennale classe L-17 scienze dell'architettura; classe L-23 scienze e tecniche dell'edilizia, classe L-21 scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale; classe L-24 scienze geologiche; classe L-25 scienze agrarie o titoli equiparati ed equipollenti. ULTERIORI INFORMAZIONIChi vuol saperne di più contatti il Comune di Livorno (Ufficio programmazione e sviluppo del personale: concorsi) dal lunedì al venerdì ore 9-13, il martedì e il giovedì anche nel pomeriggio ore 15, 30-17, 30 (e-mail concorsi@comune. livorno. it). fra "faq" e help desk. A parte i chiarimenti (mediante "Faq" e "manuale utente") che gli interessati possono ottenere assistenza tecnica sulla procedura di compilazione della domanda on-line anche contattando l'help desk dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 16 alle 18 dal lunedì al venerdì al numero 0971 58452 o dalle pagine comunelivorno. selezionieconcorsi. it/ è possibile inviare via web «una specifica richiesta di assistenza direttamente dalla sezione di compilazione della domanda». LA QUOTA DA PAGAREIl versamento della quota di partecipazione (10,33 euro) con ricevuta da allegare alla domanda. Il versamento va fatto tramite il sistema di pagamenti elettronici "Pagopa" sulla piattaforma "Iris" della Regione Toscana: è utilizzabile anche il sito istituzionale del Comune (www.comune.livorno. it) passando da "Servizi online" e poi usando il link "pagamenti con Pago Pa piattaforma Iris": è obbligatorio inserire nella causale nome e cognome del candidato e la dicitura relativa a quale concorso si tratta. CORSIA PREFERENZIALELa seconda sottolineatura è relativa alla "corsia preferenziale" che riguarda una particolare categoria: si tratta dei «volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate congedati senza demerito ovvero durante il periodo di rafferma, ai volontari in servizio permanente, nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta», ovviamente se in possesso degli altri requisiti del bando: a loro è riservato il 20 per cento dei posti del settore vigilanza e il 30 per cento di quelli nei settori amministrativo e tecnico.