scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
29/05/2021

uLe strane dimissioni con revoca dell ‘ assessore ai lavori pubblici

La Gazzetta Del Mezzogiorno

SAN GIOVANNI ROTONDO L ' OPPOSIZIONE DI CENTRODESTRA CHIEDE CHIARIMENTI IN CONSIGLIO
Chindamo ha riottenuto l ' incarico senza dare mai spiegazioni
l SAN GIOVANNI ROTONDO. A Napoli si dice " facimmo ammuina " quando si vuo le fare appositamente confusione. Un detto che ben si presta per fotografare quanto accaduto a Palazzo San Francesco, sede municipale, dove nel giro di poco più di una settimana l ' assessore ai lavori pub blici Pasquale Chindamo ha prima protocollato le dimissioni al grido " lo faccio per chiarezza " (senza in realtà spiegare niente) e successivamente ha accettato, come se niente fosse e pure con un certo entusiasmo, il reincarico firmatogli dal sindaco. Il tutto nell ' arco di soli 8 giorni. Tra il 12 (giorno delle dimissioni) e il 20 maggio (giorno del reincarico) la intera maggioranza piuttosto che affannarsi a fornire all ' elettorato una qualche spiegazione plausibile (politicamente parlando) di un passaggio istituzionale comunque importante (che francamente non può essere liquidato con comportamenti e frasi di circostanza), viceversa, si è affrettata (e limitata) a sottoscrivere un documento di solidarietà all ' assessore (peraltro firmato anche da quei membri dell ' assise che solo qualche giorno prima criticavano Chindamo). Appunto " ammuina " . A rafforzare la tesi che si tratti di ciò basta chiedere a qualcuno del popolo (che ha, si badi bene, il diritto di sapere), se è a conoscenza o meno dei reali motivi delle dimissioni dell ' assessore e del suo repen tino reintegro (il sindaco ha parlato di redistribuzione delle deleghe assessorili). Vi risponderanno con una laconica alzata di spalle. Ma se il popolino è scusabile poiché spesso è distratto sulle vicende di Palazzo, colpisce invece, e assai, che ad invocare chiarezza siano le forze politiche di opposizione in assise (Lega, Fratelli d ' Italia, Udc e Movimento 5stelle). Segno che anche a loro il tutto è apparso nebuloso. E proprio allo scopo di diradare le nubi e fare chiarezza è stata inoltrata richiesta (venerdì 21 maggio) al presidente dell ' assise di convocare - con urgenza - un consiglio comunale monotematico straordinario (e in presenza) sull ' argomento. " L ' abbandono con reintegro incorpora to " (per dirla con qualcuno) dell ' assessore ai lavori pubblici ha sollevato un autentico polverone a San Giovanni Rotondo poiché alla vigilia delle dimissioni (almeno un paio di giorni prima), il Chindamo è stato, suo malgrado, destinatario di accuse, con tanto di scritte apparse sui muri, tra le più odiose per un amministratore pubblico. Tanto che il Movimento 5 Stelle è arrivato ad interrogarsi se c ' entrassero (le scritte) con la sua decisione di abbandonare. Ma anche qui nessuna risposta. Il clima politico in città " è caldo " , ma a renderlo ancor più incandescente è la grancassa suonata da qualche tempo dalle minoranze politiche in assise che da tempo rimarcano l ' andirivieni di Forze dell ' Ordine a Palazzo di Città per acquisire carte e documenti inerenti i due mega appalti. Sempre secondo le minoranze nel mirino ci sarebbero la fogna bianca da 2 milioni e mezzo di euro e la mitigazione, da 4 milioni e 900mila euro. Dietro ci sarebbero esposti e denunce. La maggioranza ovviamente minimizza - " è prassi che carabinieri e guardia di finanza si facciano vedere in Comune per acquisire carte e documenti " - ma l ' op posizione replica che " le visite sono sem pre più frequenti perché numerosi sono gli esposti che arrivano da più parti " . Insom ma è battaglia. Nel frattempo le indagini procedono a " tambur battente " e non è da escludere la eventualità - almeno a dar retta ad alcune fonti attendibili - che a breve possano esserci sviluppi clamorosi. Francesco Trotta

Foto: PALAZZO DI CITTÀ Sollecitato un chiarimento in aula consiliare per le dimissioni «rientrate»di Chidamo


Foto: SAN GIOVANNI ROTONDO Una veduta della zona centrale della cittadina


Foto: I DUE MEGA APPALTI


Foto: Il clima politico è ancor più caldo per l ' andirivieni di Forze dell ' ordine per acquisire carte e documenti