MENU
Chiudi
19/10/2018

Udc: «Troviamo lavoro per i giovani»

Il Trentino

LA LISTA/22 verso le provinciali
Lo Scudo Crociato riparte dalla famiglia. Bezzi, capolista: «In 30 anni se non si cambia i trentini diventeranno una rarità» Troppi lacciuoli, serve un deciso taglio alla burocrazia che rende molto difficile operare per le imprese
TRENTO L'Udc ha recuperato il glorioso simbolo con lo scudo crociato e, per le elezioni di domenica, ha messo in campo una lista che unisce elementi della tradizione cattolica con esponenti qualificati del mondo del lavoro. Il commissario del partito Andrea Brocoli ha trovato un buon alleato nel ridare sostanza e visibilità al partito in Giacomo Bezzi: esperto consigliere attento ai problemi di giovani, della famiglia e della trincea del mondo del lavoro. E proprio Giacomo Bezzi, che dell'Unione di Centrocon Fugatti ha scelto di spendersi come capolista, spiega la visione del partito sui temi più rilevanti. E sui problemi più pressanti: «Il problema? Il Trentino rischia di rimanere un territorio di soli anziani nel giro di qualche decennio, 50 anni al massimo. Qui da noi l'indice di natalità è solo dell'1,2 per cento, rispetto all'1,9 dell'Alto Adige. Lì c'è un reddito diverso delle generazioni più giovani, su di loro occorre puntare, creando lavoro. Ma c'è un'altra emergenza: ed è la burocrazia. La gente non chiede, in questa lunga campagna elettorale, di avere contributi, ma di ridurre la burocrazia. Si perde tantissimo tempo sul sistema degli appalti, sul pagamento alle imprese: c'è tutto un sistema di lacci e lacciuoli, anche informatici, che rende complicatissimo ogni pratica che dovrebbe invece diventare più agile. Il sistema è bloccato. Io un'idea ce l'ho: serve un assessorato che si occupi solo di questo, della sburocratizzazione. La riforma della pubblica amministrazione è fondamentale, è la chiave di volta. Faccio un altro esempio, sempre legato alla situazione dei nostri vicini, in Alto Adige. Loro hanno appaltato quest'anno 600 milioni di opere pubbliche, in Trentino 200 milioni di euro: la motivazione sta nell'estrema complessità della macchina degli appalti pubblici. Se una persona entra nell'attuale sistema informatico della Provincia, oggi ne esce sfiduciato per la complessità». Ma Bezzi tiene particolarmente anche al tema del ricambio generazionale, in un mondo del lavoro che (troppo spesso) risulta impermeabile nei confronti dei giovani: «Di recente ho incontrato gli operai delle funivie di Campiglio: mi hanno detto che alcuni di loro, attorno ai 60 anni di età, debbono ancora arrampicarsi sui pali per sostituire i cuscinetti a 15 metri di altezza, legati alle corde. La loro non è una lamentela ma un suggerimento che può essere esteso a tante altre categorie: "fateci affiancare da giovani meccanici, saremo a noi a fare loro formazione sul campo" ci hanno detto. Ed ecco che in questo modo si può applicare una vera e propria staffetta generazionale: affiancando un giovane a chi già lavora da tanto tempo in un settore. Si dovrà intervenire con una legge, in modo da evitare a chi fa queste scelte di pagare i contributi sui giovani assunti, per un periodo». Una pausa e poi Bezzi continua col proprio ragionamento: «Non ci sono più nemmeno autisti per le ditte di autotrasporti: il fatto che per una patente per camion qui ti chiedono 6000 mila euro e non tutte le famiglie hanno la possibilità di investire una cifra simile sul lavoro per i figli. Ed ecco che allora arriva la nostra proposta della "banca della famiglia", visto che ormai accedere al credito è diventato difficilissimo: uno strumento che possa aiutare sino a 50 mila euro le famiglie. Un sistema che sto studiando, che potrebbe essere molto interessante» e la considerazione finale dell'uomo politico che si presenta domenica con l'Udc. (g.t.) Ciro D'Antuono 47 anni Mauro Pedrazzoli 46 anni Ioanna Koutsoukov 21 anni Susan Delnegro 34 anni Giacomo Bezzi 55 anni Stefano Deluca 62 anni Giovanni Togni 60 anni Mirella Serafini 63 anni M. Antonietta Panico 37 anni Cristina Farina 51 anni Andrea Brocoli 65 anni Walter Iellici 46 anni Gilberto Gozzer 60 anni Armanda Casula 40 anni Michela Peruzzo 53 anni Silvana Frank 55 anni Sandro Abram 51 anni Filippo Lanaro 37 anni Renato Klaser 35 anni Daniela Fronza 64 anni Angela Pisetta 42 anni Cristina Turri 46 anni Cesare Aniello 49 anni Matteo Masè 30 anni Nicola Pesca 26 anni Dolores Giannetti 74 anni Kettj Tommasini 36 anni Annamaria Salvia 58 anni Paolo Campisi 56 anni Stefano Patelli 48 anni Ugo Bertoldi 57 anni Raffaella Gibelli 51 anni Carolina Giovannini 33 anni Cristina Moser 35 anni

Foto: La lista dell'Udc con Fugatti durante la propria presentazione in Bondone A destra il candidato presidente Maurizio Fugatti con la candidata dell'Udc Amanda Casula e il capolista Giacomo Bezzi

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore