scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
18/11/2020

Troppe inadempienze Stop al contratto con Ati

La Prealpina

NUOVA PALESTRA Realizzati gli scavi, ora i tempi si allungano
FAGNANO OLONA - Pronti a rescindere il contratto con l ' azienda che ha vinto l ' appalto: il Comune ha deciso. All ' origi ne della scelta degli amministratori ci sono subappalti mai autorizzati, ritardi e l ' ab bandono del cantiere per la costruzione della palestra. Lo annuncia l ' assessore ai Lavori pubblici Luigi Rosa: «La rescissione arriva dopo una serie di inadempienze dell ' Ati, consorzio temporaneo nato per eseguire i lavori. La nostra non è una ripicca né una scelta strategica. Ma solo un modo per tutelare gli interessi dei fagnanesi». La data per la consegna era fissata per la fine di luglio 2021: ora la situazione si complica. Secondo quanto era previsto in 245 giorni il consorzio di artigiani romagnolo che aveva vinto l ' appalto avrebbe dovuto finire l ' opera. Era stabilito che lo realizzasse la Edil Rental Group di Fano (provincia di Pesaro Urbino). Ma evidentemente qualcosa non ha funzionato, come rimarca Rosa: «Abbiamo appurato che all ' interno del cantiere si facessero operazioni difformi da quelle previste a partire da subappalti mai autorizzati. Poi c ' è una lista di inadempimenti dai ritardi nelle lavorazioni fino all ' abban dono del cantiere». Le contestazioni sono state tutte formulata in modo formale e al momento sono al lavoro anche i funzionari comunali, il responsabile del procedimento è l ' architetto del Comune Roberto Cavezzale che sta passando al setaccio ogni virgola nell ' interesse dalla comunità. Del resto si tratta di un ' opera di rilievo per il Comune: aggiudicata per 730mila euro su una base d ' asta partita da 820mila euro. Oltre alla progettazione che era costata circa 150mila euro. Il progetto era stato pensato e voluto dal sindaco Federico Simonelli che con il vicesindaco Luigi Monfrini (assessore ai Lavori pubblici) aveva disposto ogni dettaglio. Anche il fatto che il Consorzio avesse contestato l ' appalto era parso molto strano proprio perché il progetto era stato curato in ogni minimo dettaglio da professionisti che si occupano solo di palestre. Al momento l ' area è ferma alla fase degli scavi, avrebbero dovuto essere gettate le fondamenta. Sono lontani anche i lavori per l ' esecu zione dei sottoservizi dove sono previsti gli spogliatoi. Dettando il cronoprogramma che era stato assicurato agli amministratori, i costruttori avevano garantito che verso la fine di novembre ed entro l ' Immacolata avrebbero posizionato la " scatola " ovvero il prefabbricato della palestra. Di tutto questo ovviamente non c ' è traccia. L ' assessore Rosa conclude: «Ora preme riappropriarci del cantiere, non possiamo accettare che lì sia tutto fermo e abbandonato. Abbiamo in programma diversi interventi e i cantieri devono necessariamente andare avanti». Una palestra che già prima di essere in funzione fa sospirare i fagnanesi. I ragazzi delle scuole medie dovranno aspettare ancora un po ' prima di poter avere a disposizione il nuovo impianto, anche se al momento l ' esercizio fisico e le attività motorie non sono consentite. Veronica Deriu © RIPRODUZIONE RISERVATA Entro fine mese sarebbe dovuto c o m p a r i re il prefabbricato