MENU
Chiudi
04/11/2018

Trasporto disabili sospeso «Colpa della burocrazia»

Il Mattino

LE FAMIGLIE CHIEDONO SOLUZIONI ALL'AMBITO IL SINDACO: «RALLENTAMENTI DELLA STAZIONE APPALTANTE»
PIEDIMONTE MATESE
Vincenzo Corniello
Da un anno Piedimonte Matese, dal 15 dicembre del 2017, è sospeso il trasporto dei disabili nei centri riabilitativi. I familiari ne chiedono il ripristino con una missiva firmata da Margherita Riccitelli, coordinatore di «Cittadinanza attiva Matese» che al sindaco di Piedimonte Matese, nella qualità di presidente dell'Ambito territoriale C/4, all'assessore regionale e a tutti gli enti preposti scrive «che sono risultate nulle e vane le richieste e le sollecitazioni verbali poste in atto per la ripresa del servizio dagli utenti e/o dalle loro famiglie presso l'ufficio di Piano dell'Ambito C/4; che i tempi previsti - aggiunge Riccitelli - per la ripresa di questo essenziale servizio non sono certi ed è ragionevole presumere che il servizio non possa riprendere in tempi brevi». Sottolineando, inoltre, che «questa lunga sospensione rappresenta un diritto negato che si ripercuote in modo negativo sulle persone diversamente abili e sulle loro famiglie che, per diversi motivi, non hanno la possibilità dì avere a disposizione un mezzo di trasporto adeguato, e che - scrive ancora Riccitelli - la prolungata sospensione del servizio è stata ed è causa di notevoli difficoltà e gravi disagi e di un malessere generale che di certo non aiuta a vivere e confrontarsi serenamente con tali problematiche».
Pronta la replica del sindaco di Piedimonte Matese: «Circa un anno fa l'Ambito avviò la gara con la stazione appaltante - ha dichiarato il sindaco, Luigi Di Lorenzo -. Gara a cui partecipò un solo concorrente. Sin dalla indizione della gara furono trovate due soluzioni transitorie: trasporto con Associazione Papa Francesco (rifiutata dalle mamme poiché volevano il loro autista) e buoni rimborso per spese effettuate singolarmente per i trasporti (rifiutate dai più perché volevano solamente il loro autista).
La gara gestita dalla Stazione Appaltante si è impantanata per problemi non dipendenti dall'Ambito. Inoltre abbiamo dovuto fare collaudi e revisione dei due Bus. Per la soluzione si rispettino le regole e la legge senza aggredire gli operatori dell'ambito. A breve - ha concluso Di Lorenzo - la stazione appaltante concluderà l'iter e partirà il servizio tramite l'unico partecipante alla gara».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore