scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/03/2021

Tra Comune e Italgas l’Antitrust chiude il suo procedimento

La Nuova Venezia - MITIA CHIARIN

IL CONTENZIOSO SULLA GARA
Procedimento chiuso senza infrazione. Nuovo atto, stavolta a favore di Italgas Reti, per la querelle che da sei anni blocca la gara da 280 milioni per la rete gas a Venezia. Nel maggio 2020 l'Antitrust, su segnalazione del Comune di Venezia, che lamentava il mancato invio di informazioni richieste più volte, aveva avviato nei confronti dell'azienda una istruttoria per presunto abuso di posizione dominante. Ora viene dichiarata chiusa. Durante la procedura istruttoria, spiega l'Antitrust, Italgas Reti ha presentato una serie di impegni per risolvere le criticità concorrenziali - indicate nel provvedimento di avvio - «attraverso l'invio al Comune di Venezia di tutte le informazioni richieste che si trovavano nella sua disponibilità, nonché per agevolare con diverse misure le attività propedeutiche alla predisposizione dei bandi di gara da parte delle stazioni appaltanti di tutti gli Atem d'Italia che ricomprendano Comuni in cui il servizio di distribuzione del gas naturale è attualmente gestito dalla stessa Italgas». L'Autorità ha ritenuto che gli impegni presi da Italgas Reti già prima della chiusura del procedimento siano «idonei a porre rimedio alle preoccupazioni concorrenziali espresse in sede di avvio, rimuovendo gli ostacoli alla predisposizione del bando di gara per l'Atem di Venezia 1». L'Autorità ha pertanto deliberato di rendere obbligatori gli impegni presentati da Italgas Reti e di chiudere il procedimento senza accertare l'infrazione. In passato il Comune aveva dovuto rifare il bando di gara da 280 milioni di euro per la distribuzione del gas, per 16 anni, a oltre 200 mila utenti di Venezia Laguna 1, che comprende l'intera città. Italgas era stata costretta con sentenza del Consiglio di Stato a versare decine di milioni a copertura della parte di rete ora comunale. --MITIA CHIARIN