MENU
Chiudi
12/09/2018

«Toti sar à il commissario? Serve una figura che unisca »

Il Secolo XIX

EDOARDO RIXI Il viceministro ligure alle Infrastrutture si concentra sugli obiettivi « La cosa più importante è realizzare il viadotto nel minor tempo possibile » L'INTERVISTA/2
asta polemiche, non ci pu ò essere questa tensio- « Su Terzo Valico e nodo ferroviario si potrebbe intervenire per fare più in fretta ed evitare ritardi » « Autostrade non fa ponti, non ne ha mai costruito uno e normalmente utilizza altre aziende » « Il decreto conterr à misure a favore della ricostruzione, incentivi per gli sfollati, e aiuti all'economia »
Mario De Fazio / GENOVA ne tra governo ed enti locali: ser ve una figura di dialogo perch é sulla ricostruzione o vinciamo tutti o falliamo tutti » . Non lo dice apertamente, il sottosegretario ai Trasporti, Edoardo Rixi. Ma è chiaro dall'identikit delineato che, dopo lo scontro CinquestelleRegione dei giorni scorsi, il commissario alla ricostruzione non potr à essere il governatore Toti. E se conferma che il "decreto Genova " conterr à la possibilit à di derogare al codice degli appalti, Rixi annuncia anche l'ipotesi al vaglio dell'esecutivo di introdurre corsie preferenziali per altre infrastrutture liguri, compreso nodo ferroviario e Terzo Valico. Sottosegretario, cosa conterr à il decreto? « Misure a favore della ricostruzione, incentivi per gli sfollati, aiuti per le attivit à economiche e, sul porto, agevolazioni per chi utilizza sistemi di trasporto alternativo o per gli autotrasportatori. Siamo in contatto con l'Unione Europea ancora in queste ore per non incorrere in infrazioni. Sono ancora in corso valutazioni: come spesso accade con i decreti legge i contenuti precisi si sapranno due ore prima dell'approvazione » . Ci sar à la possibilit à di derogare al codice degli appalti per ricostruire? « Credo di s ì , e speriamo non soltanto per la ricostruzione ma anche per velocizzare ed evitare ritardi anche su opere su cui le gare sono gi à state fatte. Un esempio è l'anticipazione della fine dei lavori per il collegamento tra il casello di Genova Aeroporto e la Guido Rossa: un'indicazione del Comune per cui servono tre turni di lavoro e modifiche contrattuali a cui è necessario dare copertura legislativa » . Potrebbe riguardare anche altre infrastrutture? « Vediamo. Su Terzo Valico e nodo ferroviario, ad esempio, si potrebbe inter venire per fare più in fretta ed evitare ritardi. Ma le valutazioni sono ancora in corso » . Chi ricostruir à il ponte? « Non mi interessa chi lo fa ma che venga fatto, e in fretta. E nel decreto non ci sar à certo il nome di chi costruisce. Ma Autostrade non fa ponti, non ne ha mai costruito uno e normalmente utilizza altre aziende, sarebbe strano lo facesse lei direttamente: ci sar à un'indicazione di metodo, poi sar à il commissario a decidere chi lo fa in base anche a chi avr à la disponibilit à del ponte » . Sulla questione della concessione ad Autostrade ci sar à un altro decreto ad hoc? « Potrebbe essere parte di un altro decreto, si deve ancora chiarire se finir à tutto in un unico decreto, comprese le regole d'ingaggio sulle concessioni, oppure in uno successivo. È una scelta legata anche alle tempistiche parlamentari » . Sul commissario c'è stato uno scontro politico. Ci sar à anche il nome del commissario alla ricostruzione? « Qui le ipotesi ancora in campo sono due: il nome gi à nel decreto oppure l'indicazione solo della figura, per poi concordare il nome successivamente, coinvolgendo gli enti locali » . Potrebbe essere Toti? O il sindaco Bucci? « L'importante non è chi è ma cosa fa. Dev'essere un commissario che possa dialogare e tenere insieme tutti perch é rifare quel ponte è una vittoria o un fallimento di tutti. Ci vuole grande collaborazione e bisogna lasciarci alle spalle le polemiche degli ultimi giorni » . Viste le polemiche Cinquestelle-Regione, significa che la figura di mediazione non potr à essere Toti? « Non devo essere io a dirlo. Il problema non è Toti ma creare le condizioni per una soluzione unitaria e condivisa da tutti. Non ci pu ò essere tensione tra governo ed enti locali su una situazione delicata come questa, abbiamo bisogno che tutti concorrano in maniera sinergica » . Se dovessero chiederle di fare il commissario, accetterebbe? « Al momento, no. Se tutti dovessero rimettere il giudizio, vedremo. Ma, ripeto, il problema non è chi è il commissario ma cosa si fa per Genova » . - c BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Foto: EDOARDO RIXI VICEMINISTRO ALLE INFRASTRUTTURE

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore