MENU
Chiudi
26/08/2018

Tessera, cinque handler in gara per garantire i servizi di terra

La Nuova Venezia

Il bando scade il 1 5 settembre, entro il 15 ottobre resi noti i nomi dei due vincitori I sindacati: «Nessun taglio di posti di lavoro». Save: così fermiamo il dumping aeroporto marco polo Tessera, cinque handler in gara per garantire i servizi di terra Il bando scade il 1 5 settembre, entro il 15 ottobre resi noti i nomi dei due vincitori I sindacati: «Nessun taglio di posti di lavoro». Save: così fermiamo il dumping aeroporto marco polo
Gianni FavaratoLa scadenza del bando di gara di Save spa (la società presieduta da Enrico Marchi che gestisce lo scalo veneziano) il 15 settembre prossimo, per la riduzione a da tre a due degli handler che operano all'aeroporto Marco Polo di Tessera si avvicina sempre più.Per Save, che entro il 15 ottobre vaglierà le offerte e assegnerà l'appalto, sarà l'occasione di rimettere ordine in un settore importante per un aeroporto, come quello dei servizi di terra che comprendono l'assistenza in rampa agli aerei, la movimentazione di automezzi in pista e dei bagagli. Tutti servizi sui quali, ultimamente, al Marco Polo si sono registrati molti disagi e perfino incidenti ora all'esame dell'Enac. Le organizzazioni sindacali dei lavoratori mettono, però, le mani avanti. «Ben venga il nuovo bando ma non è detto che, malgrado lo stingente disciplinare di gara previsto da Save, con due handler le cose andranno meglio che con i tre attuali» dice Alessandro Niero della segreteria Filt-Cgil veneziana «quello che conta è che venga rispettata la regola della clausola sociale sottoscritta dagli handler sia a Tessera e a livello nazionale. Come sindacato dei lavoratori aeroportuali aspettiamo l'esito del bando, ma sia chiaro fin da ora che non accetteremo nessun taglio di posti di lavoro da parte delle due società che vinceranno il bando, sia che si tratta di handler già operanti ce riconfermati, sia che si tratti di nuove società che arrivano per la prima volta a Tessera». Al bando hanno aderito per ora cinque società - certificate dall'Enac (Ente nazionale aviazione civile) ad operare in aeroporto con oltre 9 milioni di passeggeri l'anno - specializzate nella fornitura dei servizi di terra alle compagnie aeree: Gh Venezia, Ata Italia e Aviapartner che già operano al Marco Polo e due nuove società interessate allo scalo veneziano, Dnta Airport degli Emirati Arabi Uniti e la statunitense Aviation Services. Per il bando di gara, Save spa ha sottoscritto l'altro ieri, in Prefettura, un verbale di accordo con i sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, contestato pesantemente dal sindacato di base Sgb, nel quale è previsto il rispetto della clausola sociale nazionale e locale ad ogni cambio di contratto di servizio tra una compagnia aerea e gli handler. Il disciplinare prevede l'assegnazione di punteggi, non solo sulla clausola sociale, ma anche sulla qualità e sulla sicurezza del servizio prestato, con tanto di penale (fino a 100 mila euro) per chi non rispetterà integralmente tali impegni. Monica Scarpa, amministratore delegato di Save spa in una dichiarazione al nostro giornale ha ribadito di ritenere che con un numero inferiore di handler (due al posto dei tre attuali) possa porre fine ai fenomeni di dumping tariffario e, grazie al disciplinare del nuovo bando di gara, vedrà vincere le società che rispettano gli impegni previsti, dalla formazione del personale al buon stato e la manutenzione dei mezzi in rampa. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore