scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
28/01/2021

Terremoto politico a Simeri Crichi Il sindaco rimuove Saverio Brutto

Gazzetta del Sud

L' ormai ex assessoreè finito ai domiciliari nell' ambito dell' inchiesta" Basso Profilo"
Mancuso (cheè anche il suo avvocato): nonè un atto sanzionatorio Saverio Brutto e il padre Tommaso sarebbero statii " coll et tori" tra le imprese e Francesco Talarico
Rosario Stanizzi SIMERI CRICHI L' ultima inchiesta condotta dal procuratore Gratteri ha avuto strascichi anchea Simeri Crichi. Il sindaco Piero Mancuso, ha revocatoa Saverio Brutto la carica di assessoree tutte le deleghe attribuite con la nomina avvenuta dopo le elezioni amministrative. Il decreto di revocaè stato pubblicato ieri,a pochi giorni dalla nota inchiesta" Basso Profilo" che ha portato agli arresti domiciliari l' esponente politico, figlio di Tommaso Brutto, considerato personaggio di spicco del gruppo legato al segretario regionalee assessore calabrese Francesco Talari co. Saverio Brutto, tral' altro, ha anche ricoperto incarichi all'interno dell' Amministrazione provinciale di Catanzaro. Il primo cittadino Mancuso, cheè anchel' avvocato di Saverio Brutto, ha potuto interloquire conl' ormai ex assessore dopoi cinque giorni di divieto imposti dalla misura cautelare. Il decreto di revoca riporta le motivazioni che hanno spinto il sindaco ad escludere Brutto dalla Giunta, partendo ovviamente dalla «pendenza del procedimento penale n. 4499/2016 mod. 21 (Dda Catanzaro)e le conseguenti misure cautelari eseguite in data 21/1/2021, anche nei confronti del signor Saverio Brutto, per imputazioni aggravate dalla modalità di cui all' art. 416 bis, comma 1, c. p.». Il sindaco ha valutato, dunque, «il venir meno delle condizioni in merito all' opportunità del nominato assessorea perseguire gli obiettivi amministrativi fissati nel programma di mandato», oltre alla «pendenza del procedimento penale» che «incide sulla idoneità del nominatoa rappresentare gli indirizzi del sindaco delegante eda perseguirne gli obiettivi programmatici». Mancuso ha inoltre spiegato che «nonè in ogni caso da intendersi riferitoa qualsivoglia genere di valutazioni afferenti qualità personalio professionali dell'assessore revocato, néè da intendersi sanzionatorio». Secondo le accuse della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, Saverio Bruttoe il padre Tommaso sarebbero statii «promotorie organizzatori individuavano la figura di Antonio Gallo, quale figura imprenditoriale in grado di insinuarsi efficacemente nel settore degli appalti, quindi lo mettevano in contatto con Francesco Talarico, per creare un connubio efficace voltoa reperire appoggia livello politicoe con ErcoleD' Alessandro, all' epoca luogotenente della Guardia di finanza, per potere disporre di notizie di tipo investigativo». Temi molto complessi, su cui bisognerà attendere il chiarimento degli indagati, ma peri quali il sindaco Mancuso ha ritenuto siano venute meno le condizioni per un rapporto di collaborazione nell' esecutivo comunale. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Riflettori su Simeri Crichi Piero Mancuso, Saverio Bruttoe Francesco Talarico