MENU
Chiudi
31/10/2018

Terme di Bagni: niente lettere di licenziamento ai dipendenti

Il Tirreno - Emanuela Ambrogi

Incontro chiarificatore tra l'amministrazione comunale e l'attuale gestore Il bando per l'affidamento si farà, e vi parteciperà anche Vittorio Lapolla turismo e lavoro
Emanuela Ambrogi / BAGNISchiarita tra l'amministrazione comunale e il gestore delle Terme Vittorio Lapolla. Il bando per l'assegnazione degli impianti (il termine per l'attuale gestione scade il 31 dicembre) ci sarà e sarà aperto a tutti, ma tra Comune e Lapolla è ripreso il dialogo e ci sono buone possibilità che il rapporto possa continuare. In questo clima l'imprenditore ha anche accolto la richiesta del Comune di non inviare le lettere di licenziamento alla ventina di dipendenti.La schiarita è arrivata nel nuovo incontro fra gli amministratori (il sindaco Paolo Michelini e l'assessore Carlo Giambastiani) e gestore per parlare del futuro dell'impianto termale. «Da parte del Comune - dice Giambastiani - è stata ribadita la decisione di voler procedere con un bando aperto, adeguato alle nuove leggi in materia, così come suggerito da alcuni pareri legali. Nella stessa riunione il gestore ha espresso le sue perplessità sulla scadenza di alcuni accordi sanitari che interessano gli impianti termali e sulle procedure operative, nel caso ci fosse un passaggio di consegne fra gestori. L'incontro è stato importantissimo perché ha chiarito numerosi punti che sono da ritenersi fondamentali per il futuro termale di Bagni di Lucca. In un clima di rinnovata fiducia sono venuti alla luce diversi punti che hanno trovato le due parti sulla stessa linea di pensiero, e che sono il preludio per un nuovo dialogo basato su una fattiva collaborazione». L'amministrazione ha spiegato ciò che intende fare per valorizzare le terme, sia a breve termine che durante il periodo di mandato. In campo anche l'ipotesi di riportarvi le acque termali. Il gestore ha evidenziato alcune necessità urgenti da mettere in cantiere quanto prima, per rendere più funzionale la struttura e incrementare le presenze. A fine incontro il gestore ha concordato di non inviare alcuna lettera di licenziamento e di voler partecipare al futuro bando che verrà presentato nel giro di alcune settimane. «Come amministratori - conclude Giambastiani - siamo rimasti soddisfatti dell'incontro avuto e dell'apertura del gestore sul futuro degli impianti termali. È chiaro che il bando sarà aperto a tutti e potranno partecipare anche coloro che, in questi mesi, hanno manifestato interesse per la struttura. Gli uffici comunali, coadiuvati da pareri legali, stanno lavorando alla stesura di questo documento che rappresenta un passo importante per il rilancio turistico termale del nostro Comune».Oltre a Lapolla interessati alla gestione delle Terme potrebbero essere imprenditori e gruppi che recentemente hanno manifestato interesse anche per il bando per la gestione del complesso termale Leopoldine a Montecatini. In stand by pare invece l'iniziativa della cordata che aveva proposto il rilancio dell'intero sistema termale nella "Valle del Benessere", mentre il gruppo Marriot, che gestisce il complesso del Ciocco, potrebbe essere interessato a un accordo con le Terme. --

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore