scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
18/06/2021

Terme, corsa contro il tempo per il bando I sindacati: «Per noi conta solo il lavoro»

QN - La Nazione

di Daniele Bernardini MONTECATINI TERME Il bando pubblico, aperto a tutte le realtà interessate, che consentirà l'ingresso nel capitale sociale delle Terme a privati, dovrebbe essere pubblicato tra la fine del mese e l'inizio di luglio. Non sono poche le procedure che dovrà affrontare Alessandro Michelotti, amministratore della società, ma il tempo, ormai stringe. La proprietà delle Terme, Comune e Regione, in base alle prime indicazioni, garantirà alla società intenzionata ad acquistare in parte o tutti i debiti delle Terme con le banche, il totale è di circa 20 milioni, la conversione in quote azionarie. L'operazione sarebbe garantita da un piano industriale adeguato. Lo sostiene Massimo Boni, coordinatore provinciale di Forza Italia. Secondo quanto appreso dagli azzurri, la conversione del debito in azioni, che saranno date da Regione e Comune, prevederà il pagamento di un sovrapprezzo da parte del privato coinvolto. «Da oltre sei anni - ricorda - il commercialista Franco Pacini, responsabile regionale di Forza Italia per il termalismo ribadisce tre presupposti per il rilancio dell'azienda: consolidamento del debito e utilizzo della tassa di soggiorno per gli investimenti, oltre alla necessità di pagare il mancato sovrapprezzo delle azioni che dal Comune sono passate alla Regione. Soltanto il gruppo di commercianti guidato da Andrea Bonvicini ha prestato attenzione a quanto affermava Pacini. Adesso, spunta l'inserimento nel bando di prossima pubblicazione del pagamento del sovrapprezzo delle azioni che il privato andrà a rilevare da Regione e Comune. Sono anni che Pacini afferma che le banche o i soggetti che andrebbero a rilevare i debiti devono entrare nella proprietà. Se la Regione avesse pagato il sovrapprezzo delle azioni ricevute dal Comune, Montecatini avrebbe potuto fare un sacco di lavori pubblici«. I sindacati hanno appreso la notizia dell'avvio delle procedure per pubblicare il bando dai giornali. Questa mattina, parleranno con l'amministratore Michelotti per capire meglio cosa stia succedendo. Alessandro Cartei, Filcams-Cgil, e Angela Bigheretti, Uil-Tucs, parleranno oggi. Simone Pialli, Fisascat-Cisl, ribadisce l'importanza di tutelare il livello occupazionale, prima di tutto. «Alcune settimane fa - racconto ta - ho incontrato l'amministratore Michelotti. Gli ho ricordato che diversi lavoratori stagionali, in azienda anche da vent'anni, rischiano di non essere chiamati per questa stagione. Pur ribadendo che la società deve affrontare debiti per circa 30 milioni, ha detto che qualcosina si sta muovendo per questa stagione. Il possibile arrivo di un privato nella proprietà? Per noi conta prima di tutto la salvaguardia occupazionale e speriamo, quindi, di trovarci davanti a soggetti seri e responsabili, eventualmente. Poi, se le Terme recuperassero un po' di splendore sarebbe senza dubbio positivo. La difesa dei posti di lavoro però viene prima di tutto». L'amministratore subito al lavoro
MICHELOTTI

Nell'assemblea dei soci che si è tenuta martedì Regione e e Comune hanno dato mandato all'amministratore unico Alessandro Michelotti di predisporre un nuovo bando per permettere la partecipazione di imprenditori privati all'aumento del capitale sociale. Da quanto si apprende il nuovo bando dovrebbe uscire nel mese di luglio. Poi si vedrà quanti parteciperanno.


Avvocato esperto anche in economia
BELLI

L'avvocato Alessandro Belli è esperto di diritto commerciale e procedure concorsuali. Ha conseguito un master in economia alla Bocconi ed ha maturato esperienze professionali nella gestione aziendale in Italia e all'estero, assistendo imprese italiane nei processi di internazionalizzazione. Consigliere comunale (Lega) a Pistoia. Consigliere di società private e a partecipazione pubblica.