MENU
Chiudi
18/07/2018

Tecnopolo, inchiesta per truffa alla Ue

QN - Il Resto del Carlino

di GILBERTO DONDI ANCHE la Procura, dopo l'Anticorruzione, apre un'inchiesta sul maxi-appalto da 46 milioni di euro del Tecnopolo, nell'area dell'ex Manifattura Tabacchi. La gara, bandita dalla Regione tramite la società in house Finanziaria Bologna metropolitana (Fbm), finisce dunque sempre più nella bufera. L'indagine nasce dopo la presentazione di un esposto da parte di un privato e il pm Michela Guidi nelle settimane scorse ha appunto aperto un fascicolo, al momento contro ignoti, che ipotizza il reato di truffa sui fondi comunitari. I carabinieri sono già andati in viale Aldo Moro ad acquisire la documentazione del bando e stanno anche sentendo delle persone. L'inchiesta è dunque alle fasi iniziali e solo dopo gli accertamenti il pm potrà tirare le somme e decidere se indagare qualcuno oppure chiedere l'archiviazione. LA RIQUALIFICAZIONE dell'ex Manifattura è divisa in vari lotti e rappresenta uno degli appalti più importanti per la Bologna del futuro. Proprio lì sorgerà anche il Centro europeo di elaborazione dati meteo, il cui bando è però estraneo all'inchiesta. L'indagine riguarda infatti il lotto A, dove verranno costruite strutture all'avanguardia nella ricerca e nell'innovazione con la partecipazione di Enea e Rizzoli. Una gara da 46 milioni di euro vinta in modo definitivo il 5 settembre 2017 da una società pugliese, la Manelli srl, con sede legale a Monopoli, in provincia di Bari, dopo l'aggiudicazione provvisoria del novembre 2016. Come detto, già l'Anac di Raffaele Cantone nei mesi scorsi ha acceso un faro sulle procedure di assegnazione. Ora entra in scena anche la Procura e i punti 'critici' da chiarire riguardano alcuni aspetti dell'iter. La Manelli srl, al momento dell'aggiudicazione, aveva infatti un capitale sociale di 119mila euro, a fronte di un bando da 46 milioni. L'unico altro concorrente era il colosso delle costruzioni Pessina Spa, con un capitale di 11 milioni. I pugliesi hanno proposto un ribasso dell'8,75%, i milanesi del 2,47. E la Regione ha giudicato migliore il progetto di Manelli sotto tutti i punti di vista, non solo per il ribasso (punteggio tecnico 70 a 62,45, punteggio economico 30 a 8,46). Così l'appalto è andato alla Manelli, il cui capitale ora è salito a un milione, che dovrà affrontare l'urto di un progetto così costoso venendo pagata in parte 'in natura', perché la Regione le cederà un immobile di via dei Mille da 12 milioni solo a lavori ultimati. LA REGIONE ha spiegato che la legge non imponeva un limite minimo di capitale sociale, ma gli inquirenti sul punto vogliono vederci chiaro. Poi c'è il capitolo fondi europei. All'inizio la Regione aveva finanziato una quota del progetto con finanziamenti dell'Unione (di qui il reato ipotizzato di truffa sui fondi comunitari), poi però quei soldi sono spariti dal bando, ora interamente coperto con fondi regionali. Viale Aldo Moro ha spiegato che le risorse Ue nel frattempo sono state destinate ad altri progetti. © RIPRODUZIONE RISERVATA L'Anticorruzione

All'epoca dieci senatori del Movimento 5 Stelle presentarono anche un'interrogazione, chiedendo spiegazioni ai ministri competenti sull'iter di assegnazione


In Parlamento

L'Anac presieduta da Raffaele Cantone (nella foto) ha acceso un faro sulla vicenda, acquisendo i documenti in viale Aldo Moro alla fine dell'anno scorso

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore