scarica l'app
MENU
Chiudi
14/01/2021

Tecnologia Italtel per la sanità Maxi-appalto da oltre 13 milioni

QN - Il Giorno

di Roberta Rampini SETTIMO MILANESE (Milano) La multinazionale dell'Information & Communication Technology Italtel si aggiudica un appalto da oltre 13 milioni per la gestione in outsourcing delle infrastrutture digitali negli ospedali pubblici della Lombardia rinnovando il suo impegno nell'emergenza Covid-19. Un appalto di cinque anni che arriva a pochi giorni dalla decisione del Cda Italtel di approvare la proposta di ricapitalizzazione e rilancio industriale presentata da Psc Partecipazioni. Il colosso made in Italy si è aggiudicato la gara indetta da Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda relativa alla gestione delle infrastrutture multivendor di fonia-dati-Unified Collaboration-Sicurezza e Noc (Network Operation Center) per le Asst e le Fondazioni di Milano e provincia che aderiranno all'accordo. Le prime tre strutture dove Italtel erogherà i servizi sono Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Fondazione Irccs Istituto Nazionale dei Tumori e l'Asst Centro Specialistico Ortopedico Traumatologico Pini. «In questo periodo così critico per il sistema sanitario siamo orgogliosi di poter offrire il nostro supporto e le nostre competenze a questi grandi ospedali milanesi per la migliore gestione delle loro infrastrutture digitali, anche in ottica evolutiva verso le tecnologie più innovative necessarie per migliorare l'operatività e la qualità dei servizi erogati - dichiara Giovanni Salerno, responsabile Private & Public Sector Market Unit di Italtel -. Le infrastrutture digitali sono un elemento cruciale per gli ospedali e l'emergenza sanitaria ce lo ha confermato. Con i nostri tecnici sapremo attuare sul campo interventi complessi quali le evoluzioni infrastrutturali senza alcuna discontinuità sull'attività delle Asst, proporre soluzioni innovative - ad esempio in logica cloud- e operare in tema di cybersecurity per identificare, mitigare e prevenire i rischi». La presenza di Italtel nelle strutture ospedaliere non è nuova: dall'inizio dell'emergenza gli specialisti Italtel hanno lavorato, e continuano a farlo, all'ospedale Niguarda e nel nuovo polo ospedaliero del Policlinico all'interno di Rho-Fiera. ma non solo, Italtel lo scorso marzo ha risposto alla chiamata «Innova per l'Italia» del Governo con un'app di telemedicina pensata per il monitoraggio delle persone sottoposte a presidi sanitari, deospedalizzate o che vengono curate presso le proprie abitazioni. © RIPRODUZIONE RISERVATA