scarica l'app
MENU
Chiudi
05/02/2020

Teatro: stanziati 80mila euro per lo studio di fattibilità

Il Gazzettino

MONTEBELLUNA
Il nuovo teatro, che sorgerà in piazza Negrelli al posto dell'ex tribunale, si è messo in moto. La Giunta cittadina ieri ha varato una variazione di bilancio da sottoporre alla ratifica del consiglio comunale. Prevede lo stanziamento di 80mila euro per individuare chi effettuerà lo studio di fattibilità tecnico - economica del teatro, secondo la nuova definizione del Codice degli appalti riferita al progetto preliminare.
A fine novembre il consiglio comunale aveva approvato l'accoglimento della proposta di Intesa Sanpaolo del contributo di 5.5 milioni di euro per la realizzazione del teatro ed una contestuale variazione di bilancio di 80mila euro per la progettazione preliminare. Ma, per arrivare in gara, era necessario che gli uffici comunali predisponessero un documento preliminare di progettazione. Questa ha richiesto una serie di approfondimenti non solo sul piano tecnico-economico, ma anche sugli aspetti gestionali del futuro teatro. Di conseguenza non è stato possibile andare in gara per la progettazione entro dicembre.
La cifra degli 80mila euro rimane a disposizione e si ritroverà nell'avanzo di amministrazione vincolato ad aprile, ma per anticipare le procedure la giunta ha deciso nel frattempo di avviare un finanziamento anticipato per andare in gara sul Mepa al fine di individuare lo studio di progettazione. «Parte la nuova avventura della progettazione del teatro della città ad oltre cinquant'anni dalla chiusura di quello storico - dice il sindaco Marzio Favero -. C'era un impegno che avevo assunto in consiglio comunale, che era quello di coinvolgere le minoranze e le associazioni della città. Il primo impegno è stato onorato con una commissione consiliare nella quale si è riflettuto sugli obiettivi da perseguire. Il secondo impegno ci vedrà convocare nei prossimi giorni le associazioni culturali della città al fine di coinvolgerle fin da subito nella riflessione sulle caratteristiche che dovrà avere il nuovo teatro di Montebelluna. L'obiettivo dell'incontro sarà pertanto quello di raccogliere le diverse istanze. Appena individuato lo studio di progettazione, sarà nostra cura riconvocare tutti i gruppi consiliari e le associazioni culturali per concordare con lo studio incaricato il percorso della progettazione che è opportuno sia partecipato da tutti gli interlocutori qualificati».
Già chiara comunque l'esigenza di avere una struttura contemporanea che comporti bassi costi di gestione e quindi sia in classe energetica A, sia resiliente ai diversi tipi di spettacolo e di pubblico, che sappia coniugare le esigenze del teatro tradizionale con quello contemporaneo e di sperimentazione. (l.bon)
© RIPRODUZIONE RISERVATA