scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
27/08/2021

Tari, dal Comune ristori alle attività per 75 mila euro

Eco di Bergamo

Zogno Domande da presentare entro il 3 settembre per chi ha avuto problemi a causa del Covid. L'assessore: «Contributo parziale o totale»
È il momento del pagamento della Tari (servizio rifiuti) per l'anno in corso - sia per il privato che per le attività di varia natura. L'Amministrazione comunale ha emanato da qualche tempo un bando che consente di accedere a ristori sulla Tari specificamente per attività che hanno avuto problemi a causa del Covid. E precisamente è disponibile la somma di 75mila euro. Il bando si origina nelle competenze dell'assessorato al Commercio, alle attività produttive ed al turismo, su proposta specifica dell'assessore Giampaolo Pesenti, che osserva: «Questa nuova iniziativa che va ad accompagnarsi ad altre precedenti, trova motivazione nella preoccupazione dell'Amministrazione di mantenere vivo il tessuto commerciale, artigianale e di altre attività che a suo tempo hanno sofferto e si trovano ancora a dover dare risposte a problematiche varie derivanti dalla pandemia. In questo momento si è pensato di porre attenzione concreta al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti determinando la concessione tramite bando di contributi economici finalizzati all'alleggerimento del costo del servizio. Sarà un contributo a variazione, nel senso che con riferimento alle situazioni particolari potrà configurarsi in forma totale o parziale, e cioè potrebbe esserci una riduzione o addirittura una esenzione dal pagamento del tributo».

Da sottolineare che già da tempo alcuni esercizi di frazione sono esentati dal pagamento della Tari proprio per garantire il funzionamento dei medesimi. Entrando nello specifico delle utenze che possono partecipare al bando, si tratta di alberghi e strutture analoghe e di ristorazione, agenzie di viaggio, sale di proiezioni cinematografiche, musei, trasporti passeggeri, servizi di parrucchiere e barbiere ed istituti di estetica, commercio al dettaglio di abbigliamento e calzature. Quanto per linee generali, mentre per informazioni più dettagliate si può fare riferimento al sito ufficiale del Comune specificamente all'indirizzo dell'assessorato al Commercio, alle attività, produttive ed al turismo. Con un'avvertenza che l'assessore tiene a sottolineare: «La scadenza del bando in oggetto è fissata al 3 settembre prossimi venturo per cui gli interessati devono preoccuparsi di mantenersi nel tempi per le domande di partecipazione».