scarica l'app
MENU
Chiudi
10/11/2020

Tamponi e banchi 16 miliardi in gara fra arcuri e consip

Corriere L'Economia - Antonella Baccaro

Economia  Politica i conti in tasca
Dall'inizio della crisi sono stati messi al bando quasi 9 mila lotti di materiale tra sanità e scuole. Più di un terzo in valore fanno capo al commissario straordinario. Che però non pubblica i dati...
Sedici miliardi di euro. A tanto ammonta l'importo dei quasi 9 mila lotti messi al bando dalla Pubblica amministrazione per far fronte al Covid-19, a partire dall'inizio dell'emergenza. Più di un terzo dei quali, in termini economici, ad oggi risulta essere stato gestito dal Commissario straordinario Domenico Arcuri. Come si ricorderà, a scendere in campo è stata per prima la Protezione civile, guidata da Angelo Borrelli. Un suo decreto del 2 marzo scorso designava l'amministratore delegato di Consip, Cristiano Cannarsa, quale soggetto attuatore. La nomina di Arcuri avviene con il decreto CuraItalia del 17 marzo.

Quest'ultimo ha provveduto a mettere sul sito della gestione commissariale una piattaforma dei materiali acquisiti, ma non un monitoraggio dei bandi completo degli esiti. Quello che pubblichiamo dunque sono i risultati dell'osservatorio di Openpolis che li ha ricostruiti dalla Banca Dati Nazionale Contratti Pubblici, tramite l'Autorità anticorruzione (Anac), e dal data-base della Protezione civile e di altre stazioni appaltanti. Le richieste di accesso agli atti indirizzate a Arcuri per ora sono state invece respinte. Il che evidenzia che manca ancora, a distanza di otto mesi dall'inizio dell'emergenza, quella trasparenza che sarebbe richiesta dall'importanza e dalla consistenza degli esborsi oltre che dalla legge.


La mappatura

Dall'inizio della crisi al 3 novembre, data da noi scelta per questa indagine, l'osservatorio Openpolis ha censito 8.988 lotti per un totale di più di 16 miliardi di euro messi a bando. Da luglio a questa parte è raddoppiato anche il numero delle stazioni appaltanti: sono 1.031 rispetto alle 516 di quattro mesi fa. Quella che gestisce più bandi è la struttura del commissario, passata da 2,2 miliardi banditi a luglio scorso agli attuali 5,6. Nel conto sono entrati gli acquisti per le forniture di arredi scolastici, per un totale di 665,9 milioni di euro. Solo una piccola parte (56 milioni) risulta bandita dagli enti locali proprietari degli immobili (Province e Comuni). Mentre oltre il 90% di questo importo riguarda la gestione di Arcuri.


La gestione commissariale ha allungato il passo proprio in questi ultimi quattro mesi, se è vero che a luglio era emerso come le amministrazioni più attive nell'acquisizione delle forniture per il Covid fossero due: Consip (2,5 miliardi al netto degli accordi quadro) e la struttura commissariale che gestivano quasi 2/3 degli importi banditi. Dopo quattro mesi emerge che Consip è rimasta stabile: le spese per l'emergenza arrivano a 3,2 miliardi per 176 bandi, mentre gli importi del commissario straordinario passano a 5,6 miliardi con 167 bandi. A seguire ci sono le centrali regionali di acquisti, come Aria spa (Lombardia) con 1,3 miliardi, Estar (Toscana) con 902 milioni, Azienda Zero (Veneto) con 816 milioni e la Protezione civile nazionale con 380.


E straordinarie restano anche le procedure seguite per l'assegnazione dei lotti. Erano e rimangono prevalenti quelle negoziate senza pubblicazione del bando (per 8,4 miliardi). Seguono gli affidamenti diretti in accordo quadro (per 3 miliardi) e le procedure aperte (per 2,3 miliardi circa) che hanno superato l'affidamento diretto puro (1,1) grazie al fatto che l'acquisto dei banchi da parte della gestione commissariale si è svolto con procedura aperta, semplificata e di massima urgenza.


I materiali

Quanto ai materiali acquistati, i dispositivi di protezione e le mascherine restano (come rilevato anche a luglio) il principale oggetto dei bandi, e rappresentano quasi il 70% degli importi (11,2 miliardi di euro). Seguono i prodotti e servizi di analisi (tra cui test e tamponi), che ormai riguardano 1,9 miliardi di euro banditi (in crescita esponenziale rispetto ai 300 milioni di luglio). E poi tutto quello che attiene alla terapia intensiva, alla rianimazione e farmaci, per circa un miliardo. Al quarto posto tra i beni comprati compaiono quelli della scuola: arredi, attrezzature e interventi di edilizia scolastica legati all'emergenza. Si tratta di circa 665,9 milioni di euro, in massima parte compresi nella gara del commissario straordinario per l'acquisto dei nuovi banchi. I due lotti messi a bando da Arcuri (610 milioni in totale) riguardano banchi monoposto, sedute tradizionali e sedute innovative.


Analizzando i bandi per importo, emerge che al primo posto c'è quello per la fornitura delle mascherine del Commissario Arcuri per circa 749 milioni, seguono tre lotti per dispositivi di protezione individuale e applicazioni elettromedicali emanati da Consip e aggiudicati a Althea Italia (571 milioni), a GE Medical Systema Italia (566 milioni) e a Draeger Italia (552 milioni). Al quinto posto si piazzano i lotti relativi a un milione e mezzo di banchi «innovativi» (460 milioni) di gestione commissariale. Le tre aziende citate prima, di conseguenza, sono quelle che hanno vinto gli appalti più cospicui, seguite da Mortara Instrument Europe (342) e Seab Instruments (308). Tutte le altre aziende si aggiudicano appalti da un centinaio di milioni in giù. Quanto allo stato dei lotti, 4.903, dunque più della metà, risultano aggiudicati, mentre 3.774 sono scaduti con esito sconosciuto, 127 sono stati revocati o annullati, 71 sono in corso e 67 sono andati deserti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Così gli appalti pubblici Fonte: elaborazione Openpolis al 3 novembre 2020 *di cui 1.022 accordi-quadro; **di cui 4,27 miliardi per accordi-quadro; ***di cui 730,12 milioni per accordi-quadro s.F. Beni e procedure... ... i primi 3 acquistati... Dati in miliardi ... e le procedure più eseguite Dati in miliardi di euro Lotti Importi a base d'asta in miliardi** Importo lotti aggiudicati in miliardi*** Stazioni appaltanti Aziende vincitrici Mascherine e altre protezioni Tamponi e test diagnostici Terapia intensiva, rianimazione, farmaci 11,2 1,9 1 8.988* 16,23 5,08 1.031 1.370 1 2 3 Procedura negoziata Affidamento diretto Procedura aperta 8,4 3,1 2,3 1 2 3

Foto:

Domenico Arcuri, commissario straordinario per l'emergenza Covid, e, a destra, Cristiano Cannarsa, amministratore delegato di Consip