scarica l'app
MENU
Chiudi
23/06/2019

«Tagliare l’erba, non è compito dei volontari»

QN - Il Resto del Carlino

ADRIA Stop ad una pratica partita con la giunta Barbujani
- ADRIA - NON SARANNO più i volontari ad occuparsi di tagliare l'erba nelle are pubbliche a ridosso delle strutture sportive. Lo stop definitivo del Comune pone fine ad una lunga polemica che era stata innestata dall'ex vicesindaco Federico Simoni. «Lo sfalcio del verde non può più essere affidato alle società sportive, come nel passato - spiega con decisione l'assessore Marco Tosato -. Questa procedura infatti non è assolutamente consentita dalla normativa vigente, tra cui anche il codice degli appalti». E' stato questo il risultato del confronto, definito dalle parti assai costruttivo, tra l'assessore allo sport ed il comitato esecutivo della consulta. L'altra sera, come in programma, Tosato ha incontrato il comitato esecutivo della consulta dello sport e del tempo libero. Un dialogo positivamente costruttivo tra assessore e il direttivo della consulta nel corso del quale è stata data ampia relazione sulle motivazioni per cui lo sfalcio del verde non può più essere affidato alle società sportive, come avveniva nel passato. Questa procedura infatti non è permesso dalla normativa vigente, tra cui anche il codice degli appalti. Non solo di era si è parlato. Dalla riunione è emerso che le tariffe per l'uso delle palestre comunali non subiranno alcuna variazione per l'anno sportivo 2019/2020 e che, invece, si sta lavorando per poterle ridurre, tenendo conto delle esigenze degli utenti e dei costi orari unitari delle palestre valutando ulteriori agevolazioni. SONO STATE rese note, tra l'altro, anche le modalità che puntano al sostegno all'attività sportiva che si svolge nelle frazioni. Piano che le stesse società sportive hanno accettato e che permetterà il mantenimento dei servizi sportivi alle comunità dei paesi, indispensabili per la vita e l'animazione delle realtà frazionali: un sostegno economico per l'avvio dell'anno sportivo e la proroga del contratto di gestione degli impianti sportivi per tutta la prossima stagione, in attesa di approvare il regolamento per l'uso degli impianti sportivi, che sarà sottoposto all'attenzione della competente commissione consiliare e quindi al voto del consiglio. © RIPRODUZIONE RISERVATA