scarica l'app
MENU
Chiudi
30/05/2020

Tagliaffitti a Gradisca Ulteriori 10 mila euro e parte il nuovo round

Il Piccolo di Trieste - L. M.

il bando per il 2020
gradiscaBuone notizie per i gradiscani che hanno presentato domanda di contributo a sostegno del pagamento degli affitti nel corso del 2019 e relativa alle locazioni dell'anno precedente. Il Comune ha reso noto infatti l'erogazione di una somma integrativa da ulteriori 10.600 euro, che va ad aggiungersi ai 101.783 euro già stanziati fra i 41 cittadini aventi diritto: cifra in leggero aumento rispetto a quelle degli ultimi due anni. L'integrazione - via Regione - è dovuta allo sblocco di parte delle risorse non utilizzate nel quinquennio 2014-2018 ed ora rese disponibili.E ora si apre il bando 2020, relativo dunque agli affitti del 2019. Il bando pubblico per la concessione di contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione riguarda le spese sostenute sugli immobili di proprietà sia pubblica (esclusa edilizia sovvenzionata) sia privata. Il Comune di Gradisca ha stipulato una convenzione con i Caf del territorio per la presentazione delle richieste di accesso al beneficio: per la presentazione delle domande gli interessati dovranno rivolgersi presso una delle sedi elencate nella pagina web dell'ente. I termini per la presentazione delle domande scadono il 3 luglio. Storicamente il fabbisogno accertato nella cittadina della Fortezza si aggira attorno ai 100 mila euro. Tale somma è stata erogata dalla Regione. Il 10% del fabbisogno (circa 10 mila euro euro) è a carico del bilancio comunale di Gradisca. Si tratta di una posta che andrà a integrare il contributo distribuito fra i cittadini aventi diritto. Una quota pari a non meno del 50%, ovvero un importo complessivo di 55.900 euro dei fondi disponibili, sarà riservata esclusivamente a persone di età inferiore a 35 anni, questo ai sensi della legge regionale 22 del 2012. Il consistente numero di domande per i contributi taglia-affitti è una chiara cartina al tornasole del difficile momento di crisi che pare attanagliare sempre più famiglie. E la situazione certo non pare destinata a migliorare dopo l'emergenza Covid-19. --L. M.© RIPRODUZIONE RISERVATA