MENU
Chiudi
02/12/2018

Sviluppo dell’economia Nasce un tavolo di idee

QN - La Nazione

CNA COINVOLTI ENTI E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA
UN TAVOLO di lavoro permanente composto da tutti gli eletti ai vari livelli nelle istituzioni del territorio e dai corpi intermedi, con lo scopo di mettere insieme idee e proposte da portare avanti per lo sviluppo della provincia. È quanto emerso durante la tavola rotonda che si è tenuta dentro l'assemblea annuale della Cna. «Sposiamo totalmente questa proposta che si inserisce, rafforzandolo, nel percorso già aperto nei giorni scorsi con le altre organizzazioni di categoria del commercio e dell'artigianato - ha detto Andrea Giannecchini, presidente provinciale Cna - Per noi sarebbe uno strumento ideale e potente per affrontare e discutere le tematiche strategiche del territorio che riguardano le nostre piccole e medie imprese». Riconosciuto il ruolo da protagonista della Cna in tutta la provincia di Lucca affrontando, grazie alle sollecitazioni provenienti dalla discussione in assemblea, le tematiche attualmente in agenda per la categoria, come infrastrutture, Bolkenstein, codice degli appalti, regolamento urbanistico, tassazione nazionale e locale, finanziaria, formazione. Temi su cui è intervenuto anche il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni. «Le infrastrutture sono necessarie per consentire il miglioramento del traffico e la viabilità - ha commentato - ma al momento è tutto fermo per la volontà del governo di effettuare il calcolo fra costi e benefici». Una necessità riconosciuta anche da Riccardo Zucconi (Fratelli d'Italia) e da Umberto Buratti (PD) che ha ricordato però il taglio del governo di cinque milioni per gli investimenti. «Il tavolo permanente - ha detto Buratti - permetterebbe di pianificare delle serie strategie comuni per il territorio. Contrariamente a quanto viene fatto oggi che si lavora solo sulle emergenze». UN MODO di procedere apprezzato anche dalla Camera di Commercio che, attraverso Roberto Camisi ha rilevato come l'ultimo ricordo di una progettualità a medio-lungo termine risalga a molti anni fa. «Credo che la crisi dei corpi intermedi sia grave e vada ricomposta - ha confermato Valter Alberici, vice sindaco di Viareggio - e da parte della amministrazione comunale c'è sempre grande interesse e disponibilità al confronto». «Porte aperte anche da parte della Provincia di Lucca che, però, ha bisogno di uscire dal limbo in cui è attualmente - ha detto Luca Poletti - e chiarire il proprio ruolo».

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore