scarica l'app
MENU
Chiudi
12/01/2021

«Superbonus, ci sono 26 palazzine da rifare»

QN - La Nazione

Obiettivo riqualificazione
EMPOLESE VALDELSA «A Publicasa abbiamo individuato almeno ventisei fabbricati a cui destinare la nostra particolare attenzione per la riqualificazione e l'efficientamento, che abbiamo presentato alle prime dichiarazioni di interesse: spero che le imprese del territorio si facciano avanti con proposte di riqualificazione e non perdano questa grande opportunità, anche per compensare il mancato fatturato avvenuto in questo ultimo anno a causa della pandemia in atto». Al centro del ragionamento di Luigi Palandri, presidente di Publicasa Spa, c'è l'opzione 'superbonus', agevolazione fiscale prevista dal decreto Rilancio per chi decidesse di investire per fare migliorie strutturali du abitazioni e palazzi. «Le detrazioni del 110 per cento introdotte dalla recente normativa per gli efficientamenti energetici e strutturali effettuate sugli edifici delle case popolari possono essere una grande un'opportunità per le imprese del territorio - continua il presidente di Publicasa - I fabbricati condominiali in cui sono inseriti gli alloggi di edilizia residenziale pubblica potranno essere oggetto di interventi fino al 30 giugno 2023, quindi con sei mesi in più rispetto allo standard dell'edilizia privata. La dilazione è motivata dalle procedure del codice degli appalti, più articolate rispetto a quelle privatistiche». Per un'impresa però, prosegue ancora Luigi Palandri, «l'intervento sul patrimonio diedilizia residenziale pubblica può essere molto interessante per la facilità del confronto con soli due soggetti, il proprietario unico dell'immobile, che è il Comune dove è posto il fabbricato, e il soggetto gestore, Publicasa, anziché un normale condominio in cui la proprietà è articolata e non omogenea». Venendo al dettaglio degli interventi, «il patrimonio edilizio dell'Erp è al 90 per cento costituito da fabbricati realizzati dal 1950 al 2000, quindi con sistemi costruttivi che ancora presentano tetti in legno e in amianto e con murature perimetrali in mattoni pieni che costituiscono il vero ponte termico tra esterno e interno. Publicasa effettua interventi di manutenzione straordinaria sugli edifici utilizzando fondi propri o contributi comunali, regionali e statali, ma spesso non consentono di agire con continuità e con la qualità che sarebbero opportuna anche in termini di efficientamento energetico». Insomma, si fa il possibile ma spesso non è sufficiente a garantire il miglior risultato. Per questo «i superbonus 110 per cento, Ecobonus e Sismabonus, potranno consentire una svolta sia per le imprese che ne usufruiranno sia per il 'sistema pubblico' che vedrebbe realizzati importanti interventi su una notevole percentuale di alloggi nell'arco di un breve periodo, sia per i residenti degli alloggi». Ma anche «gli stessi quartieri dove sono posti questi fabbricati risentirebbero del miglioramento sociale dovuto alle ristrutturazioni», ammette Palandri. Un altro dettaglio da non sottovalutare in chiave urbana e anti-degrado. Samanta Panelli © RIPRODUZIONE RISERVATA