scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/01/2021

Sulle tracce di Messina Denaro tra servizi, misteri e trattative

Domani - GIOVANNI TIZIAN E NELLO TROCCHIA

L'INCHIESTA SUL LATITANTE DI COSA NOSTRA
Un informatore in contatto con il boss, gestito dal generale Mori, sembra avvicinare la cattura. Ma il suo arresto fa saltare la copertura e l'operazione. Le accuse e la replica di Grasso: «Non era una pista» Il giallo «La procura non si fidava di Vaccarino, i servizi segreti invece sì»
CASTELVETRANO (TP) Nella latitanza di Matteo Messina Denaro, che dura da ventotto anni, c'è una parentesi nella quale lo stato si sarebbe avvicinato alla sua cattura instaurando, tramite una fonte coperta, una fitta corrispondenza con il boss stragista. Una parentesi che è però avvolta nel mistero perché i protagonisti di questa storia sono, per una procura, fidati collaboratori. Per un'altra, complici di Cosa nostra. Protagonisti che a Palermo sono grigi, oscuri, pericolosi. A Caltanissetta, utili portatori di informazioni. In questo quadro fosco non mancano i servizi segreti, ma l'unico a guadagnarci, vista la prolungata latitanza, è uno solo: Matteo Messina Denaro. Nel 2003 al governo del paese c'è Silvio Berlusconi, al ministero dell'Interno Beppe Pisanu. Il braccio destro del presidente del Consiglio, Marcello Dell'Utri, è sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa mentre il mafioso Vittorio Mangano, stalliere ospite nella villa di Arcore negli anni Ottanta, viene dipinto come una brava persona. Tuttavia magistratura e forze dell'ordine sono alla caccia dei boss stragisti. All'epoca decine di mafiosi sono latitanti, tra questi anche il capo assoluto Bernardo Provenzano, poi arrestato nel 2006, durante le elezioni. Nella lunga lista c'è, ovviamente, Matteo Messina Denaro. Per catturarlo si muovono persino i vertici dei servizi segreti, il generale Mario Mori e i suoi collaboratori, tra gli altri Giuseppe De Donno. Mori e De Donno, successivamente, saranno coinvolti nel processo sulla trattativa tra lo stato e la mafia stragista: in primo grado Mori è stato condannato a dodici anni di carcere, a otto anni De Donno per i rapporti intrattenuti con il sindaco mafioso Vito Ciancimino, quando entrambi erano al Ros, il raggruppamento operativo speciale dei carabinieri. Mori nel 2003 è il numero uno del Sisde, il servizio segreto civile, dove lavora anche De Donno come capo della segreteria operativa. Quell'anno al Sisde arriva una lettera firmata da Antonino Vaccarino, ex sindaco di Castelvetrano, il paese trapanese dei Messina Denaro. Vaccarino, di professione insegnante, si rende disponibile a collaborare per indagini contro la criminalità organizzata. Vaccarino non è uno qualunque, è stato processato e assolto per mafia, ma condannato per traffico internazionale di stupefacenti. In particolare, conoscendo bene la famiglia Messina Denaro, è pronto a dare un contributo per la cattura. Il Sisde accetta. Inizia così il giallo Vaccarino: scrive lettere che consegna alla rete criminale del latitante, che viene agganciato e inizia una fitta corrispondenza che si protrae fino al 2006. Il latitante si firma Alessio, il professore Svetonio. Mori e De Donno raccontano di aver avvisato l'allora procuratore capo di Palermo, Pietro Grasso, al quale hanno spiegato ogni dettaglio, riferito ogni cosa, tranne il nome della fonte. L'attuale senatore di Leu, ex presidente del Senato, smentisce categoricamente: «Da procuratore di Palermo ero stato informato, credo alla fine del 2004, dell'intenzione da parte del Sisde di avviare un'attività informativa diretta a scoprire il sistema degli appalti pubblici e l'impiego dei profitti mafiosi, senza nessun dettaglio né tantomeno nomi». Versioni completamente contrastanti. Secondo Mori e De Donno lo stato per due anni è stato in contatto, tramite un informatore, con Matteo Messina Denaro, senza catturarlo. Nel 2006, quando viene arrestato Bernardo Provenzano, nel covo del boss vengono trovati pizzini di Matteo Messina Denaro che avvisa il capo di Cosa nostra dei contatti con Vaccarino. Vengono recuperati durante la perquisizione e il Sisde avvisa subito la procura di Palermo che la fonte è proprio Vaccarino. In quel momento, il Sisde lo considera affidabile e serio «al cento per cento». Pochi mesi fa De Donno ha confermato tutto ascoltato, insieme a Mario Mori, dal tribunale di Marsala in un processo a carico proprio di Vaccarino. La fonte affidabile al cento per cento, però, viene scaricata dai magistrati antimafia di Palermo subito dopo l'arresto di Bernardo Provenzano quando i vertici del Sisde consegnano tutti i documenti alla procura siciliana. «Pietro Grasso mi telefonò dicendo che la procura riteneva di non poter trattare il signor Vaccarino né come confidente, né come collaboratore e che quindi tutta l'attività del servizio doveva essere trasmessa alla polizia giudiziaria», ha detto Mario Mori lo scorso maggio. Un racconto che trova Grasso in totale disaccordo. «In conseguenza del fatto che dalle indagini successive alla cattura di Provenzano erano venuti fuori dei contatti del Vaccarino sia con esponenti mafiosi - tra cui prima della cattura di Provenzano, il nipote Gariffo - sia con esponenti dei servizi, fui informato. Solo a quel punto Mori mi relazionò sull'attività compiuta col Vaccarino, affinché io potessi riferirne alla procura di Palermo. Cosa che feci». Mori e De Donno, insomma, rischiarono anche un'incriminazione per favoreggiamento: solo dopo relazionarono ogni cosa, solo di fronte al rischio di finire travolti dalla loro azione "segreta". La cattura svanita Vaccarino finisce così sotto indagine per associazione mafiosa. Ma sarà la stessa procura di Palermo, nel 2007, a chiederne l'archiviazione pur precisando che «nel comportamento di Vaccarino si ravvisano alcune zone d'ombra». Quali sono le conseguenze di quell'indagine archiviata? A rispondere è Mario Mori quando il difensore di Vaccarino, l'avvocato Bartolomeo Lauria, gli chiede: «L'indagine aperta nei confronti del signor Vaccarino per associazione mafiosa ha pregiudicato la cattura del latitante?». Il generale risponde secco: «Certamente sì». Sarebbe stato possibile, secondo Mori, arrivare al ricercato numero uno, ma l'inchiesta dei magistrati palermitani ha pregiudicato la cattura. Chi ha dato disposizione per conto della procura di interrompere ogni rapporto di collaborazione con il signor Vaccarino? De Donno risponde: «A noi fu riferito dal dottor Grasso, però all'epoca il dottor Grasso si interfacciava con il procuratore Giuseppe Pignatone, che se non sbaglio era reggente o era quello che gestiva l'arresto di Bernardo Provenzano». Secondo Grasso non è vero che l'indagine su Vaccarino sia stata d'ostacolo all'arresto del latitante. «Come ricorda lo stesso Mori in udienza, con la cattura di Provenzano gli scambi epistolari si erano interrotti perché l'arresto alterava tutto il sistema di Cosa nostra, come affermato dallo stesso Messina Denaro nell'ultimo "pizzino" (missiva ndr ) a Vaccarino del maggio 2006», dice l'ex presidente del Senato. Ma Vaccarino era credibile o faceva il doppio gioco? «Sulla base delle notizie che noi avevamo raccolto tramite l'attività con Vaccarino, furono arrestate circa una decina di persone tra Castelvetrano e Mazara del Vallo», ha detto De Donno lo scorso 12 maggio. Vaccarino è entrato in contatto con mafiosi, ha collaborato ad alcune operazioni, testimoniato contro l'imprenditore Rosario Cascio e il cognato di Messina Denaro, Vincenzo Panicola. Il racconto di De Donno sembra un film già visto: «Avevamo sostanzialmente convinto il vertice di Cosa nostra a fidarsi di noi, con un poco di fortuna li avremmo messi a terra tutti quanti». Ma era una pista Vaccarino? «A Palermo non venne considerata una vera e propria pista che potesse portare a risultati, dato che si basava su uno scambio di corrispondenza che si era già interrotto. Se posso aggiungere una mia valutazione personale, Messina Denaro non avrebbe mai incontrato Vaccarino», replica Grasso, che aggiunge: «Io venni informato solo dopo l'ultima lettera di Messina Denaro ricevuta da Vaccarino. Fino ad allora io non ero a conoscenza dell'identità del soggetto, né della sua attività. La decisione successiva fu della procura di Palermo, e io quella riportai a Mori». Una vicenda che si aggiunge allo scontro, in quel caso interno alla procura di Palermo, consumato tra l'allora procuratore capo Francesco Messineo e il suo aggiunto Teresa Principato. Quest'ultima accusò il capo della procura di aver eseguito arresti che nei fatti avevano pregiudicato un'indagine dei carabinieri dei Ros sulla cattura del superlatitante. Una vicenda datata 2013 utile per capire i dissidi tra inquirenti e investigatori che cercano il fantasma di Castelvetrano. Il professore e i mille volti Dunque Vaccarino è totalmente affidabile per il Sisde, ma non per la procura di Palermo. Vaccarino viene condannato nei primi anni Novanta in un processo che lo vede imputato con don Ciccio Messina Denaro, il padre del latitante. Nonostante tutto il Sisde, nei primi anni Duemila, si è affidato a lui per catturare il figlio di don Ciccio. La parabola da informatore di Vaccarino si interrompe con l'indagine a suo carico poi archiviata. Quando l'identità di Vaccarino viene scoperta, Matteo Messina Denaro gli invia un'ultima lettera di minacce. Ma i suoi contatti con lo stato non si interrompono. L'ultima pagina di questo libro degli equivoci la scrive la procura di Caltanissetta che dà credito al professore. In particolare lo fa Gaetano Paci, pubblico ministero nel processo contro Matteo Messina Denaro, accusato delle stragi del 1992, per le quali sono già stati condannati i vertici di Cosa nostra. «Diciamo che Vaccarino è stato, da parte della procura di Caltanissetta, un portatore di informazioni sulle vicende stragiste del '92. Era interesse dell'ufficio sentirlo», ha detto lo scorso aprile l'attuale procuratore aggiunto di Caltanissetta durante il processo a carico dell'ex sindaco. Il pentimento del boss Gaspare Spatuzza ha permesso di riscrivere la storia della strage di via D'Amelio dove sono stati uccisi Paolo Borsellino e la sua scorta. Mori, De Donno, Paci parlano durante un processo che ha visto Vaccarino imputato e condannato per favoreggiamento alla mafia a sei anni in primo grado, accusato di aver passato informazioni riservate a un funzionario della direzione investigativa antimafia. Mentre la procura di Caltanissetta lo considerava un portatore di informazioni, quella di Palermo ne ha richiesto l'arresto e poi ottenuto la sua condanna. Sullo sfondo del trentennio vissuto dall'ex sindaco e professore si muove il pentito Vincenzo Calcara. Lo abbiamo incontrato in un paese del nord Italia. Camicia bianca, calvo, con una foto di Paolo Borsellino, a cui era legatissimo, fissata sulla parete della stanza. Il pentito, inquinatore o no? «Mi sono pentito grazie al giudice Borsellino, a cui devo tutto. Era il 1991. Il giorno del mio compleanno. Gli dissi che doveva blindarsi perché la mafia aveva deciso il suo omicidio. Pochi mesi prima, da latitante, mi ero incontrato con Francesco Messina Denaro e con l'ex sindaco di Castelvetrano, Antonio Vaccarino. Zi Ciccio mi aveva dato l'incarico di tenermi pronto perché dovevo uccidere Borsellino. A quell'incontro era presente anche Matteo». Calcara etichetta subito Vaccarino: «Quello è il male assoluto, un vero mafioso». Anche il percorso di Calcara è pieno di inciampi. Una omissione, in particolare, getta ombre sul suo percorso da pentito. «Tra le tante questioni che nacquero, c'era proprio quella della infondatezza delle dichiarazioni di Calcara e sulla base di un presupposto più ampio, e cioè che Calcara potesse essere stato etero diretto», dice il magistrato Paci del pentito. Calcara preannuncia esposti e replica: «Con quale riscontri il dottor Paci si può permettere di dire queste cose? La difesa di Antonio Vaccarino ha chiamato, prima di Paci, il generale Mori, il colonnello De Donno, entrambi condannati nel processo sulla trattativa stato mafia. Comunque il Vaccarino alla fine è stato condannato a sei anni per favoreggiamento. Chi ha ragione?». Ma perché Calcara non ha mai accusato Messina Denaro e non l'ha indicato a capo della commissione provinciale di Trapani? «Sono anni che chiedo a Paci di essere ascoltato, sono stato il primo a dire che Borsellino era stato condannato a morte. Francesco Messina Denaro non era capo provincia, era Mariano Agate. Paci dice che ho inquinato i pozzi, ma ci sono altri pentiti che mi danno ragione». È centrale stabilire chi era il capo della commissione provinciale di Trapani in quel periodo. Il perché lo ha spiegato Paci nella requisitoria del processo sulle stragi contro Matteo Messina Denaro. Trapani a fine anni Ottanta era terra di mafia e logge massoniche segrete: indicare come capo della provincia Mariano Agate pregiudicava la verità e avrebbe salvato Messina Denaro dal ruolo di stragista e capo. Nella requisitoria Paci dice: «Vincenzo Calcara tace per anni il nome di Matteo Messina Denaro al tempo in cui uccideva e faceva stragi. Signor Calcara dovrebbe dire la verità proprio su questi punti oscuri che impediscono di fare luce sulle ambiguità. Agate era uomo di primo ordine, ma non aveva la qualifica di capo della provincia di Trapani, questa apparteneva a Francesco Messina Denaro che poi la cede al figlio. Perché Calcara ci ha indirizzato verso qualcosa di impreciso e perché non abbia riferito il nome di Matteo è un punto di interesse per future indagini». L'opacità, il tratto distintivo degli affari di casa Messina Denaro.

Foto: Matteo Messina Denaro è il boss di Cosa nostra latitante dal 1993. La sua carriera è segnata da omicidi, stragi e trame finanziarie che portano a imprenditori insospettabili ILLUSTRAZIONE DI VALENTINA VINCI