MENU
Chiudi
04/01/2019

Student Hotel, slitta l’apertura

QN - Il Resto del Carlino

Lavori fermi per la crisi di Condotte Spa: si va a inizio 2020
di PAOLO ROSATO SONO temporaneamente fermi i cantieri di realizzazione dello Student Hotel nella palazzina ex Telecom di via Fioravanti. Un progetto importante per Bologna e per la Bolognina, presentato oltre due anni fa, il cui percorso si è impaludato all'improvviso e il perché è presto detto: l'impresa aggiudicataria dei lavori, la Inso, è parte del gruppo Condotte spa, colosso dell'edilizia attualmente in amministrazione straordinaria dopo una rilevante crisi aziendale. Tutta questa situazione ha avuto ovviamente una ricaduta anche sui lavori allo Student Hotel, tecnicamente fermi in attesa di uno sblocco e senza una sicura data di fine cantieri. Secondo le ultime indiscrezioni, entro la fine di gennaio Inso e la proprietà (olandese) cercheranno di arrivare a una definizione della questione, che probabilmente dovrebbe portare a una nuova gara d'appalto per riassegnare i lavori, dopo la chiusura di tutte le pendenze. La ripartenza dovrebbe quindi spostare la data di apertura dello Student Hotel tra l'autunno del 2019 (ipotesi oggi più ottimistica) e l'inizio/primavera del 2020. In ogni caso almeno un anno dopo quelle che erano le prime stime, che parlavano di uno Student Hotel aperto per settembre 2018. FINO a poco tempo fa i lavori però erano andati avanti in maniera spedita, secondo l'iniziale tabella di marcia. Poi lo stop prima di Natale. Finora è stato completato circa il 50% dei lavori. Sono state reaSTALLO DELICATO La società Inso deve incontrare la proprietà Nuovo appalto in vista lizzate nuove sopraelevazioni e la maggioranza delle ristrutturazioni edili all'interno, oltre alla parte impiantistica. Mancano però tutte le finiture su una superficie totale di circa 11mila metri quadrati. Una struttura molto attesa, sul cui ritardo il presidente del Quartiere Navile, Daniele Ara, non si scompone più di tanto. «Dispiace per la situazione, capita ovunque. Detto questo, se si slitta di qualche mese non è un dramma - sottolinea Ara -. I tanti studenti che arriveranno in via Fioravanti saranno ossigeno per tutta la zona, con una varietà di servizi offerta dall'Hotel che ci incuriosisce». IL PROGETTO è sicuramente ambizioso, ma collaudatissimo visto che TSH è già presente in diverse città europee (ha aperto anche a Firenze). Dove un tempo abitavano i 280 sfrattati guidati da Social Log, verranno costruite 400 stanze tra camere e monolocali. Ci saranno anche una biblioteca, aree studio, sale riunioni e conferenze, un incubatore per startup, una sala giochi, una palestra e una parco biciclette. Il cortile diventerà uno spazio pubblico, con una caffetteria, un ristorante, aree di co-working e altri servizi. La formula che era stata annunciata dalla società olandese è quella di pacchetti della durata di cinque mesi o un anno per chi frequenta l'anno accademico, ma anche dalle due settimane a un anno per gli studenti laureandi o che seguono corsi di specializzazione e soggiorni da un giorno alle due settimane per semplici viaggiatori. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: OSPITALITÀ La palazzina di via Fioravanti, un tempo occupata, vedrà sorgere al suo interno lo Student Hotel con 400 camere e servizi innovativi

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore