scarica l'app
MENU
Chiudi
21/12/2018

strutturazione della casa di riposo, in una memora…

Brescia Oggi

strutturazione della casa di riposo, in una memorabile assemblea dove nessuno della maggioranza difese il progetto e dove la cittadinanza affossò clamorosamente l'iniziativa. Ora finalmente il commissario ha approfondito la situazione: persona esperta e capace, ha i poteri necessari per ripristinare la legalità». A DIFESA di Anna Pavone anche l'intervento dell'ex assessore (leghista come Bertoloni) Elisa Maioli: «Ritengo che il progetto messo in campo dal precedente Cda fosse assolutamente megalomane: si stimavano circa 12 milioni di euro. Ho voluto approfondire la questione con un consulente legale: il progetto avrebbe dovuto sottostare al codice degli appalti. Mi chiedo come un Cda possa non tenere in considerazione questo principio. E come rappresentante istituzionale non avrei mai potuto approvare in consiglio comunale un progetto di questo genere». Entra nel merito anche Liviano Bussi, coordinatore di Forza Italia: «Voglio evidenziare la positività della revoca prefettizia per evitare il vituperato progetto di sottrazione della Fondazione al controllo pubblico. A mio avviso basta citare il ripetuto diniego di documentazione del presidente Zanella. Ma i cittadini vogliono vederci chiaro: sulla contabilità, sul fantomatico business plan, sulle molteplici consulenze, sulle parcelle dei progettisti da 170mila euro, sui rimborsi spese, sul Consorzio delle case di riposo che è costituito da una sola casa di riposo». Sarà un Natale bollente, mentre la guerra di carte bollate si sposta in tribunale.