scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/12/2020

«Sindaco allergico ai bandi pubblici ci aspettiamo maggiore trasparenza»

La Gazzetta Del Mezzogiorno

MANDURIA LE CRITICHE ALL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DA PARTE DEI PROGRESSISTI
l MANDURIA. Trasparenza e coerenza: il gruppo consiliare progressista critica l'Amministrazione comunale. «Gli ultimi atti visionabili in questi giorni sull'albo tretorio del Comune di Manduria inducono necessariamente alcune serie riflessioni» è riportato in una nota dei consiglieri Domenico Sammarco, Loredana Ingrosso e Gregory Gentile. «Si può iniziare dal verbale di gara per l'assegna zione dell'incarico di responsabile del servizio di Protezione e Prevenzione: leggendo con attenzione il quale scopriamo che uno dei partecipanti è la ditta EQM System dell'ing. Agostino Capogrosso, già consigliere della attuale maggioranza all'epoca della presentazione della domanda (avvenuta il 27 novembre scorso). Già questa pare una circostanza quantomeno inopportuna e onestamente alquanto inquietante visto che un consigliere comunale appena eletto decide di partecipare ad un bando nel medesimo Comune. Come se non bastassec però, la gara in oggetto si è conclusa con l'as segnazione dell'incarico proprio alla ditta dell'ing. Capogrosso che ora dovrà, evidentemente, decidere se dimettersi dalla carica amministrativa o rinunciare all'incarico appena assegnato a seguito della gara. Con delibera di giunta numero 52 del 16 dicembre scorso veniamo a conoscenza che si procederà all'as sunzione di un dipendente categoria C1 da destinare ad "Ufficio di Segreteria Particolare" del sindaco senza alcun bando, ma il nominativo sarà indicato dal sindaco stesso. Scommettiamo che anche stavolta sarà "premiato" qualcuno molto vicino al sindaco e che, in particolare, ha gestito la comunicazione nella sua ultima campagna elettorale? Vedremo se il tempo ci darà ragione anche su questo. Sembra che il Sindaco abbia avversione ai bandi pubblici e preferisca gli affidi diretti, come fatto anche per la trasmissione dei Consigli comunali e degli eventi. Il tutto contro ogni logica di gestione della cosa pubblica, come da linee guida Anci e dei principi di contabilità pubblica, che - anche quando non obbligatorio - consi gliano sempre di effettuare gare pubbliche per una maggior trasparenza. Infine, al netto di verificare i costi specifici di ciascun artista indicato da un sedicente comitato culturale, con delibera numero 52 del 16 dicembre scorso, la giunta ha speso 20mila euro per gli eventi natalizi che, si badi bene, non sono dal vivo, ma potranno essere visionati solo sulla pagina social del sindaco e su una emittente televisiva locale. Oltre a chiedersi quale dubbia utilità sociale possa esserci per i cittadini, molti dei quali non hanno di certo dimestichezza con i social, riteniamo che sia alquanto immorale sperperare così il denaro pubblico, quando poteva essere destinato per far trascorrere un Natale un po' più sereno alle tante famiglie in difficoltà in questo particolare periodo così complicato». COMUNE Domenico Sammarco