scarica l'app
MENU
Chiudi
16/12/2020

«Sala Temple negata, scelta incomprensibile»

QN - Il Resto del Carlino

SASSUOLO «Perché la Sala Temple è stata assegnata a un'associazione sportiva dilettantistica di Modena (la Sted ndr) semi-sconosciuta sul territorio di Sassuolo?». A sollevare la polemica contro l'amministrazione comunale è l'associazione sassolese Quinta parete che dopo 10 anni di attività nel Reggiano nel 2016 si è trasferita a Sassuolo «e fin da subito - ricordano dall'associazione - con passione, professionalità e conoscenza capillare del territorio, abbiamo contribuito ad arricchire il tessuto culturale e sociale del comune con progetti che abbracciano tutta la comunità». Concentrandosi soprattutto «sull'inclusione delle persone fragili e con disabilità». Quinta Parete conta 300 associati, proseguono dall'associazione, «ma soprattutto fornisce servizi e coinvolge migliaia di persone ogni anno: bambini, ragazzi, adulti, persone con fragilità e disabilità che partecipano ai corsi di teatro, ai percorsi educativi nelle scuole, alle rassegne teatrali per tutte le età, e pur avendo utilizzato in maniera responsabile e attiva gli spazi dell'Auditorium Bertoli e della Sala Teatro Temple sta vedendosi negare luoghi in cui incontrarsi e riconoscersi». A luglio durante una riunione della Consulta Cultura e Giovani, l'amministrazione comunale ha detto che entro la fine di agosto sarebbero usciti due bandi: uno per l'assegnazione dei locali della Sala Temple e un altro per l'utilizzo dell'Auditorium Bertoli per tre giorni alla settimana. «Entrambi i bandi sembravano l'occasione per Quinta Parete di ufficializzare la gestione dei due spazi che già ha utilizzato e contribuito a far rinascere con le sue attività fin dal suo insediamento a Sassuolo, grazie ad una convenzione con il Comune per l'utilizzo del Bertoli e una collaborazione con l'Associazione Crea, che fino a giugno 2020 gestiva la Sala Temple». Il primo ottobre esce sul sito del Comune di Sassuolo il bando per l'assegnazione della gestione dei locali dell'immobile Sala Temple mentre quello relativo all'Auditorium Bertoli non è ancora stato pubblicato. Quinta Parete partecipa. L'assegnazione finale però lascia di sasso l'associazione. «Siamo molto perplessi per le scelte dell'amministrazione», spiega il direttore di Quinta Parete Enrico Lombardi. «Perché la Sala Temple è stata assegnata ad una associazione sportivo dilettantistica di Modena semi-sconosciuta sul territorio di Sassuolo? Ciò nonostante dall'avviso pubblico emergesse chiaramente che sarebbero state prioritarie non solo la conoscenza del territorio ma anche le collaborazioni in essere con enti, scuole, associazioni ed istituzioni territoriali». La speranza ora è rivolta al bando per l'utilizzo del Bertoli: «La nostra volontà è di continuare 'ad abitare' a Sassuolo e non trovarsi costretta a dover 'cercare casa' in altri comuni creando un grande disagio a centinaia di bambini, ragazzi, adulti, famiglie sassolesi». Gianpaolo Annese