scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/01/2021

Progetti pubblici, il 2020 un anno boom

ItaliaOggi

Il 2020 è stato un anno boom per la domanda pubblica di progettazione, segnata in particolare dalla rilevante quota di accordi quadro messi in gara: in totale il numero dei bandi è stato di 3.283 per un valore di 1.044,7 milioni di euro: +10,5% in numero e +82,0% in valore sul 2019. In tutto l'anno i bandi per accordi quadro di progettazione, sono stati 174, il 5,3% del numero totale, per 432,6 milioni di euro, il 41,4% del totale del valore. Lo rivela un report dell'osservatorio Oice/Informatel sulle gare pubbliche di ingegneria e architettura. Se si allarga lo sguardo a tutti i servizi tecnici di ingegneria, architettura messi in gara nel 2020 (verifi che progetti, direzione lavori, sicurezza, assistenze ai Rup ecc.) i bandi sono stati 6.438 (di più soltanto nel 2006), +8,4% sul 2019 e +60,6% in valore rispetto al 2019, per oltre 2,4 miliardi (il più alto dal 1994). Gli accordi quadro nell'anno sono stati 322, il 5% del totale, con un valore di 798,4 mln di euro, il 33,9% del totale. Nel dettaglio, dalle prime anticipazioni dell'osservatorio emerge che a dicembre si è registrato un risultato esplosivo: le gare di progettazione sono state 422 per 331,6 milioni di euro, rispetto al mese di novembre crescono del 30,2% in numero e del 567,0% in valore; rispetto a dicembre 2019 crescono del 14,7% in numero e del 417,8% in valore. Riprende nel mese la pubblicazione dagli accordi quadro per gare di progettazione: Anas con tre bandi, divisi in 32 lotti, ha raggiunto i 168,0 mln di euro, Autostrade per l'Italia con un bando in quattro lotti 22,7 mln di euro. In totale, nel mese per accordi quadro pubblicati 39 bandi, il 9,2% del numero totale, per 191,0 mln di euro, il 57,5%. Al netto degli accordi quadro i dati del mese si riducono a 403 in numero e a 140,6 mln in valore. Delle 422 gare pubblicate nel mese per progettazione ben 158, il 37,4%, hanno riguardato affi damenti sotto i 75.000 euro, mentre il loro valore stimato, 6,0 milioni di euro, è stato pari ad appena il 1,83%. Questa numerosità segnala che le stazioni appaltanti danno la preferenza alle procedure ad evidenza pubblica contro gli affi damenti diretti. Anche per gli appalti integrati il 2020 è un anno record: sono stai pubblicati 505 bandi per 9.589,5 mln di euro di lavori, con una crescita del 140,5% nel numero e del 190,1% nel valore rispetto al 2019 (nonostante la frenata di dicembre). Nell'ultimo mese sono stati 58 i bandi pubblicati, con valore complessivo dei lavori di 579,8 mln e un importo dei servizi stimato in 9 mln. Rispetto novembre il numero è calato del 18,3% e il valore del 71,2. Il confronto con dicembre 2019 vede una crescita del 123,1% nel numero e un calo del 36,3% in valore.