scarica l'app
MENU
Chiudi
05/01/2021

Progetti per gli eventi culturali Al via la ‘call for ideas’ del 2021

QN - La Nazione

SARZANA Per il terzo anno consecutivo l'amministrazione comunale di Sarzana ripropone la formula «Calls for Ideas» che ritiene dunque vincente per programmare gli eventi culturali e di spettacolo sul territorio. Il bando che scade il primo febbraio è aperto alla partecipazione di tutti gli enti, le associazioni, le fondazioni e altri soggetti che operino in ambito culturale senza fini di lucro, oltre a imprese del settore culturale, creativo, dello spettacolo che intendano promuovere iniziative nei più svariati settori. Non esistono preclusioni nelle iniziative si va dalla promozione della cultura scientifica fino all'arte di strada, passando da eventi musicali, teatro, cinema e audiovisivo, letteratura, arti e danza. I progetti che saranno presentati - la scadenza ultima per partecipare è fissata appunto al 1° febbraio prossimo - saranno valutati da un'apposita commissione sulla base naturalmente degli obiettivi indicati nel bando. L'amministrazione comunale tende anche a sottolineare che è «eliminata la discrezionalità politica nelle valutazioni». Nel bando vista la ricorrenza del 200° anniversario della morte di Napoleone Bonaparte e del 700° anniversario della scomparsa di Dante Alighieri, è stato introdotto uno specifico punteggio aggiuntivo per le proposte che si inseriranno su questi temi. Un altro aspetto che nelle proposte dovrà essere tenuto in considerazione riguarda la particolare situazione pandemica tuttora esistente. Quindi nei progetti che verranno presentati si dovrà temere conto delle normative imposte dall'emergenza epidemiologica, naturalmente la realizzazione sarà soggette alle ulteriori proposte sotto l'aspetto sanitario che dovessero essere emanate. Il bando è pubblicato sul sito Internet del comune e informazioni utili possono essere richieste all'ufficio marketing territoriale e cultura telefonando allo 0187 614268. Il sindaco Cristina Ponzanelli spiega il motivo per cui vuole riproporre Calls for Ideas, perchè lo considera «un modello di selezione aperto, inclusivo e trasparente volto alla ricerca delle migliori energie e progettualità che il nostro territorio può esprimere». Inoltre di dare una grande importante all'iniziativa visto che «la cultura è e resta, a maggior ragione in questo tempo difficile che stiamo attraversando , la chiave della ripartenza cittadina e vorremo anche dell'Italia». Sostiene inoltre sempre sulla cultura «di non aver smesso neanche un momento di farla, dal primo all'ultimo istante in cui ci è stato permesso durante la pandemia e sempre in sicurezza, anche quando qualcuno soffiava sulle paure delle persone e criticava la scelta di continuare a investire nella cultura e nella città». © RIPRODUZIONE RISERVATA