scarica l'app
MENU
Chiudi
05/12/2020

Primi due bandi a Sestri e Casarza per aiutare le famiglie in difficoltà val petronio

Il Secolo XIX - Sara Olivieri

Sara OlivieriRisorse in arrivo per le famiglie della val Petronio, in difficoltà economica a causa del Covid. A erogarle sono i Comuni di Sestri Levante e Casarza Ligure con i primi due bandi messi in campo: il bando per i buoni alimentari, aperto ieri a Sestri Levante; il bando per il contributo affitto, disponibile da oggi a Casarza Ligure.Nel primo caso, i destinatari sono i nuclei familiari che subiscono gli effetti della pandemia a causa della contrazione del contratto di lavoro, della mancata partenza del contratto di lavoro stagionale (in vigore invece nel 2019), della chiusura dell'attività di cui sono dipendenti o, infine, del calo del proprio fatturato di almeno il 30 per cento (sia per le ditte che per i lavoratori autonomi). Possono presentare la domanda anche le famiglia la cui situazione non sia stata modificata dal Covid, purché in possesso dei requisiti generali richiesti. Ovvero: la residenza nel Comune di Sestri; la somma del saldo dei conti correnti del nucleo familiare non superiore ai 10 mila euro per un nucleo composto da 2 persone (la soglia massima aumenta di 1.000 euro per ogni componente aggiuntivo). Non potranno invece partecipare al bando i dipendenti pubblici, ad eccezione del caso in cui il dipendente sia anche l'unico percettore di reddito della famiglia; la disponibilità residuale reddituale, sottratto l'importo dell'affitto o del mutuo dallo stipendio, non dovrà superare i 1.500 euro. Le domande, scaricabili dal sito del Comune, dovranno essere compilate a consegnate entro le ore 17 del 16 dicembre. I buoni avranno importi compresi tra i 150 e 500 euro, a seconda del numero di componenti e la presenza di minori. Non potranno essere ceduti né utilizzati per acquistare alcolici. A Casarza Ligure, invece, oggi apre il Bando Affitto per l'erogazione dei contributi del fondo nazionale per il sostegno alle locazioni per il 2019 e 2020. Riguardo al 2019, potranno farne domanda tutte le famiglie residenti, con contratto di affitto registrato ed Isee 2020 non superiore ai 16.700 euro. Con il contributo riferito al 2020 (periodo da marzo a giugno) sarà assegnato ai residenti, con regolare contratto di affitto registrato ed Isee 2020 non superiore ai 35.000, che, nei primi cinque mesi dell'anno, hanno subito una variazione del reddito almeno del 5 per cento rispetto agli stessi mesi del 2019. Le domande dovranno essere presentate entro il 9 gennaio. Per informazioni 0185/469835 o 469852. --