scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/01/2021

Prestito d’onore, due bandi per le imprese e le famiglie

Il Tirreno - Enrico Pizzi

misure di sostegno
Enrico PizziGROSSETO. Piccole imprese e liberi professionisti del Comune di Grosseto avranno tempo fino al 1o febbraio per chiedere il prestito d'onore sociale che l'amministrazione ha destinato a chi abbia subito le chiusure del lockdown di ottobre e abbia accumulato perdite di fatturato superiori al 20%. L'amministrazione ha riaperto i termini del bando, che si era chiuso a dicembre, e ha pubblicato anche un nuovo bando per destinare anche alle famiglie un prestito d'onore sociale. Il precedente bando, destinato alle imprese, ha visto arrivare nei termini previsti una trentina di domande che, seppure accolte, non esauriscono il plafond di 266mila euro che era stato stanziato. Il prestito d'onore per le imprese prevede, infatti, una misura massima di 3mila euro per ciascuna richiesta, dunque c'è spazio per accoglierne molte altre. Per questo l'amministrazione comunale ha deciso di riaprire i termini del bando fino al 1o febbraio.A questa misura possono accedere le piccole imprese, che non impieghino oltre 5 addetti, e i lavoratori autonomi. La condizione è che si tratti di attività che siano state sottoposte a restrizioni o chiusure a seguito del Dpcm del 13 ottobre 2020 e di quelli che sono seguiti, e bisogna anche che il volume di affari delle attività che chiedono il prestito d'onore si sia ridotto del 20% tra maggio e ottobre, rispetto al volume di affari sviluppato nello stesso periodo l'anno precedente.Deve trattarsi, inoltre, di realtà che non abbiano un volume d'affari superiore ai 200mila euro annui né beni ammortizzabili di valore superiore ai 300mila euro.Il prestito d'onore sociale è una delle misure di sostegno all'emergenza economica, elaborate dal Nucleo Fenice.Il fondo cui attinge è un trasferimento governativo di 456mila euro che l'amministrazione comunale ha suddiviso in tre destinazioni diverse: 160mila euro già utilizzati per pacchi alimentari a sostegno delle famiglie in difficoltà, 266mila euro è la somma stanziata per il bando destinato alle imprese, mentre 30mila euro sono oggetto di un altro bando di prestito d'onore destinato, però, ai cittadini, uscito in questi giorni.Potranno accedervi, per un importo massimo di 1.000 euro, i cittadini residente nel Comune di Grosseto, disoccupati, cassaintegrati o iscritti al collocamento, che non abbiano beneficiato - né loro né gli altri componenti del nucleo familiare - di altre forme di sostegno, a eccezione di buoni spesa e del contributo affitto.Sia nel caso delle imprese che nel caso dei cittadini, il prestito d'onore potrà essere restituito in quattro rate semestrali a partire dal 30 giugno 2021. --© RIPRODUZIONE RISERVATA