scarica l'app
MENU
Chiudi
10/12/2020

Portierato, la scelta tra dipendente o impresa

Il Sole 24 Ore - Supplemento - Glauco Bisso

CUSTODE
In condominio come in azienda, la scelta tra assumere o appaltare all'esterno il servizio di portierato comporta vantaggi e svantaggi. A determinare cosa conviene di più è il contesto. Se l'edificio è composto per lo più da abitazioni, la fiducia verso la persona incaricata è fondamentale, perché conosce ogni abitudine dei proprietari. Se invece l'edificio è composto di uffici sarà essenziale, la continuità del servizio, laflessibilità e la possibilità di dimensionarlo alle effettive richieste, in ragione delle esigenze del complesso. Malgrado ciò, sono molte le situazioni in cui si è scelto di esternalizzare il servizio. Costi e contratto È difficile che vi siala convenienzaeconomica alla trasformazione. Il contratto di lavoro dei dipendenti da proprietari di fabbricati è lo stesso applicato anche peri dipendenti delle società di servizi. Se al costo delle manodopera, vanno aggiunti le spese generali e l'utile di impresa, è facile prevedere che, a parità di orario, i costi siano equivalenti se non superiori. Il vero vantaggio è dunque la flessibilità, nella possibilità di poter configurare il servizio alle esigenze senza essere sottoposti alle regole più rigide del rapporto di lavoro dipendente. Potrà così essere incluso l'impiego di ulteriori addetti dipendenti dalla società di servizi. E in questi casi, la spesa del condominio sarebbe inferiore rispetto all'assunzione di un secondo addetto.il contratto d'appalto è lo strumento che permette al committente di apportare le variazioni sia per l'orario, che per la qualità del personale. Ed è il contratto che impone all'appaltatore di produrre la documentazione necessaria dell'avvenuto pagamento del personale impiegato per non avere sorprese. Le cautele Il condominio è escluso dall'obbligo di solidarietà con l'appaltatore del servizio di portierato di cui all'articolo 29 del Dlgs 276/2003 «poiché quest'ultimo non esercita attività di impresa, a nulla rilevando che non sia formalmente una persona fisica ma un ente di gestione, peraltro sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei singoli condomini» (Tribunale di Roma, sentenza 9213/2018). Si applica invece l'obbligo di cui all'articolo 1676 del Codice civile, per cui i dipendenti dell'appaltatore possano proporre azione anche contro il committente per conseguire quanto loro dovuto, limitatamente a quanto il committente debba ancora pagare. Opportuno inserire nel contratto di appalto l'obbligo dell'appaltatore di fornire il Dure elaprova dell'avvenuto pagamento delle retribuzioni dei dipendenti impiegati nell'edificio. © RIPRODUZIONE RISERVATA LA DOMANDA Si può licenziare il portiere in caso di appalto a società di servizi? Sì ma sussiste l'obbligo di preavviso di 12 mesi