scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/12/2020

Pca, sarà la volta buona? «Entro tre mesi il bando»

QN - La Nazione

PIETRASANTA di Daniele Masseglia Sul fronte degli annunci la notizia più fresca riguarda l'Asl che garantisce ancora una volta l'emissione del bando per assegnare la gestione del progetto comunità aperta (Pca) di via Stagi. Precisamente entro i prossimi tre mesi, parola del direttore della Zona distretto Versilia Alessandro Campani. Sul piano pratico e quotidiano, però, ci sono gli operatori del Gruppo Sims, associazione che si occupa di dipendenze da ormai 40 anni, che sostengono di avere le finanze talmente agli sgoccioli da non sapere come arrivare al 31 dicembre. Al bando potranno partecipare varie realtà, anche se si presume che il Gruppo Sims partaavvantaggiato per l'esperienza maturata sul campo e rivolta attualmente ad oltre 120 pazienti residenti in tutta la Versilia storica. «Il bando uscirà: il motivo del ritardo - spiega Campani - è che gli uffici stanno sistemando le varie partite legate al Covid. Ma al Pca ho già garantito che avranno una proroga tecnica di tre mesi, in attesa della gara in corso di espletamento. La loro preoccupazione e apprensione è legittima dato che devono fidarsi di due righe di mail e una telefonata. Anch'io al posto loro sarei perplesso, ma devono fidarsi, ammesso che il servizio venga assegnato a loro. La somma prevista sarà integrata rispetto a quella attuale, con 110mila euro da parte dell'Asl e quelli del comune di Pietrasanta». Parole che il presidente del Sims, Luca Bonci (nella foto sopra), ascolta con il registratore automatico. «Prendo atto - dice - della volontà ribadita dall'Asl di andare a un nuovo bando che il direttore Campani ci aveva già comunicato. Ma se qualcuno non interviene prima, le amministrazioni comunali o chi per loro, non abbiamo le risorse per andare oltre la fine dell'anno. Anzi, non sappiamo neanche come chiudere finanziariamente il 2020». Un tira e molla snervante che coinvolge gli stessi operatori (nella foto sotto), i quali hanno perso il conto degli appelli fatti, le promesse ricevute e gli anni trascorsi senza un grammo di novità. «E' scandaloso - dice Nando Melillo - quel che sta capitando a un servizio in prima linea da 40 anni, quando a Pietrasanta la gente scappava e noi eravamo l'unico presidio che si occupava di dipendenze 24 ore su 24. Il Comune dovrebbe intitolare una strada a Roberto Nardini, fondatore e storico presidente del Sims, per il lavoro svolto in quegli anni, quando nessuno se ne voleva occupare». © RIPRODUZIONE RISERVATA